Rugby

Autumn Nations Cup: Inghilterra-Francia, sfida per il titolo

Adv

Questo pomeriggio è in programma la finale dell’Autumn Nations Cup tra Inghilterra e Francia. Attesa per la sfida al Twickenham e scoprire il primo vincitore di questo nuovo torneo.

Inghilterra – Francia: sfida per il titolo dell’Autumn Nations Cup

Dopo le partite di ieri che hanno assegnato il terzo posto all’Irlanda e la vittoria del Galles contro l’Italia. Per concludere l’esordio vittorioso per Fiji in questo torneo contro la Georgia, adesso l’attesa è tutta per la finalissima del Twickenham.

A sfidarsi per la vittoria della prima coppa d’autunno saranno Francia e Inghilterra. Partita in programma alle ore 15:00 e sarà possibile vederla in diretta sul canale 20 di Mediaset. Saranno proprio le due nazionali che si sono giocate l’ultimo Sei nazioni a contendersi il titolo finale con l’Inghilterra che parte come favorita per la vittoria del titolo e per bissare il successo ottenuto nel massimo torneo continentale.

Francia che scende in campo con una nazionale molto giovane e, come contro l’Italia dovrà rinunciare ad alcuni Big. Nonostante ciò la squadra di Eddie Jones non intende sottovalutare i transalpini, come dichiarato dallo stesso Jones in conferenza stampa che, ha messo in evidenza la bravura dei Blues mettendo in risalto la stessa qualità ed intensità di gioco dimostrato anche contro l’Italia nonostante i giocatori siano diversi ogni volta.

Inglesi che scendono in campo con la convinzione di volersi vendicare per l’ultima sconfitta subita durante la prima partita del sei nazioni e che non gli ha permesso di conquistare il Grande Slam. Una sconfitta a sorpresa che Fabien Galthié vuole ripetere anche sta volta per mettere in bacheca il primo titolo alla guida della Francia. Per farlo si deve affidare ad una squadra molto giovane che sarà guidata dal capitano Baptiste Couilloud, 23 anni e solo quattro presenze con la nazionale.

I numeri e le statistiche sorridono agli inglesi

Anche le statistiche sorridono agli inglesi. La Francia non vince al Twickenham contro l’Inghilterra da 14 anni, ultima vittoria arrivata nel 2007. Stesso anno in cui i transalpini sono riusciti a scucire agli inglesi due vittorie consecutive, calcolando che quest’anno sono stati già vittoriosi durante il primo turno del Sei Nazioni.

Non solo ma il Twickenham per gli uomini di Eddie Jones è un vero e proprio fortino. Zero sconfitte nelle ultime dodici partite e, solo due sconfitte nelle ultime trenta, contro Irlanda e Nuova Zelanda nel 2018.

Attenzione anche alla Francia però, nelle ultime 13 partite i transalpini hanno conquistato 11 vittorie. Dal 2010 però i francesi non vincono due trasferte consecutive, nell’ultimo match hanno vinto in terra scozzese, adesso vedremo se riusciranno a sfatare questo tabù.

Le formazioni

Riportiamo di seguito le formazioni che scenderanno in campo nell’atto finale di Autumn Nations Cup. Sei cambi per la Francia rispetto alla partita contro l’Italia. Per l’Inghilterra un solo cambio, obbligato per infortunio, rispetto l’ultima partita giocata contro il Galles.

INGHILTERRA: 15 Elliot Daly, 14 Anthony Watson, 13 Henry Slade, 12 Owen Farrell (c), 11 Jonny May, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Sam Underhill, 6 Tom Curry, 5 Joe Launchbury, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Mako Vunipola
A disposizione: 16 Luke Cowan-Dickie, 17 Ellis Genge, 18 Will Stuart, 19 Jonny Hill, 20 Ben Earl, 21 Dan Robson, 22 Max Malins, 23 Joe Marchant

FRANCIA: 15 Brice Dulin, 14 Alivereti Raka, 13 Yoram Moefana, 12 Jonathan Danty, 11 Gabin Villiere, 10 Matthieu Jalibert, 9 Baptiste Couilloud (c), 8 Selevasio Tolofua, 7 Anthony Jelonch, 6 Cameron Woki, 5 Baptiste Pesenti, 4 Killian Geraci, 3 Dorian Aldegheri, 2 Pierre Bourgarit, 1 Hassane Kolingar
A disposizione: 16 Peato Mauvaka, 17 Rodrigue Neti, 18 Uini Atonio, 19 Guillaume Ducat, 20 Sekou Macalou, 21 Sebastien Bezy, 22 Louis Carbonel, 23 Pierre-Louis Barassi

Ci sarà molta attesa per questa finale che si prospetta accesa e divertente. Continua a seguire il rugby sulle pagine di Metropolitan Magazine.

Fabrizio Graziosi

Adv
Adv
Adv
Back to top button