Calcio Scozzese: Old Firm, old story..

Nell’ultimo week-end in Scozia tutte le attenzioni erano incentrate, naturalmente, su Celtic-Rangers, ovvero la classica per eccellenza del calcio scozzese. Mai come quest’anno la sfida era carica di aspettative: con l’arrivo di Gerrard in panchina, i Rangers sembrano davvero in grado di insidiare la leadership dei loro acerrimi rivali, che da 7 anni ormai stanno monopolizzando il massimo campionato.

OLD STORY Il campo però non ha lasciato spazio a dubbi: il Celtic è ancora decisamente la squadra da battere. Gli Hoops hanno avuto la meglio sui rivali con un gol a metà ripresa di Oliver Ntcham, ma in realtà il successo è molto più netto di quanto possa lasciar pensare il risultato finale. Basti pensare al numero di conclusioni nello specchio della porta delle due squadre: 9 tiri il Celtic, 2 i Rangers.
Una rondine non fa primavera, è risaputo: i Gers hanno raggiunto, contro ogni pronostico, i gironi di Europa League. Ma questo non vuol dire che torneranno necessariamente a essere competitivi per il titolo, anzi, probabilmente questo sforzo per conquistare l’europa che conta ha tolto ai blues preziose energie sia mentali che fisiche.
Per contro, il Celtic ha un vantaggio nei loro confronti di almeno 4 anni, ovvero quelli necessari ai Rangers di risalire dalla quarta divisione alla Premiership. E la forbice non si chude dopo un’estate, seppur ottima, sotto la guida dell’ex meraviglioso numero 8 del Liverpool.

SORPRESE KILMARNOCK E LIVINGSTON Non sono più una sorpresa gli Hearts, di nuovo vincenti contro il St. Mirren, mentre nell’ultimo week-end hanno sorpreso sia il Kilmarnock che il Livingston. I Killie sono andati a vincere nettamente in casa dell’Aberdeen per 2-0, con i Dons in 10 per tutta la partita a causa di una (ingiusta) espulsione al loro centrale difensivo Devlin. Prestazione comunque opaca quella degli uomini di McInnes: dalla forza numero 2 del campionato negli ultimi 4 anni ci si aspettava qualcosa di meglio.
Il Livingston invece non smette di stupire: contro i vicini di casa dell’Hibernian, i Lions sono andati in svantaggio a inizio ripresa, ma sono riusciti a ribaltare la sfida, conquistando altri tre punti che li portano al terzo posto in graduatoria, seppur in coabitazione con Kilmarnock e St. Johhnstone.

CLASSIFICA (dopo la 3a giornata)

1° Hearts 12 punti (+8 diff. reti)
2° Celtic 9 (+3)
3° Kilmarnock 7 (+3)
4° Livingston 7 (+1)
5° St. Johnstone 7 (+0)
6° Hibernian 5 (+2)
7° Rangers 5 (1)
8° Aberdeen 5 (-1)
9° Motherwell 4 (-2)
10° Hamilton 4 (-4)
11° St. Mirren 3 (-6)
12° Dundee 0 (-5)

ENRICO DELL’ANNA

Pagina Facebook de IL CALCIO SCOZZESE

Pagina Twitter de IL CALCIO SCOZZESE

Pagina Instagram de IL CALCIO SCOZZESE

© RIPRODUZIONE RISERVATA