Roma: studenti e genitori dell’istituto Carlo Alberto dalla Chiesa protestano per i guasti al riscaldamento

Protestano gli studenti e i genitori dell’Istituto comprensivo di Roma sulle condizioni di gelo in cui vivono a causa dei mancati riscaldamenti dentro la scuola. 

Ieri pomeriggio infatti, circa 150 persone, tra studenti e genitori dell’istituto Carlo Alberto dalla Chiesa, si sono date appuntamento davanti al Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana del Comune di Roma. La protesta messa in atto mira a richiedere la rimessa in funzione dei riscaldamenti. Questi infatti risultano guasti da novembre scorso. 

Carlo Alberto dalla Chiesa: le dichiarazioni di Ciaccheri

Con loro anche il presidente del VII Municipio Amedeo Ciaccheri, che ha rilasciato ai giornali le seguenti dichiarazioni: 

“Dopo 60 giorni siamo venuti direttamente sotto l’assessorato ai Lavori Pubblici di Roma Capitale con le famiglie e i docenti della scuola ‘Europa’ di Roma 70 per dire forte alla sindaca Raggi e all’assessora Meleo che le bambine e i bambini della nostra città’ non sono dei pinguini e al freddo a scuola non ci si può’ stare. La storia della scuola ‘Europa’ parte piu’ di tre mesi fa dove, nove classi della scuola elementare sono costrette a svolgere le lezioni nei corridoi di un altro istituto scolastico che ha messo a disposizione quegli spazi per non far stare al freddo decine di studenti”.

Sembra infatti che al momento le pressione del Municipio sul tema fatta al Campidoglio non abbia ancora trovato riscontro.

Ciaccheri ha infatti poi sottolineato che nonostante l’urgenza del problema, l’amministrazione non ha ancora posto la giusta attenzione verso una situazione che sta costringendo a fare lezione al freddo centinaia di studenti. Un primo intervento provvisorio è però stato annunciato dal comune. Questi si è impegnato ad installare entro il mese di febbraio dei condizionatori per riscaldare l’Istituto Carlo Alberto dalla Chiesa.

In ogni caso, ancora troppo poco per studenti e genitori, che chiedono invece una situazione definitiva al problema, per non doversi ritrovare nelle stesse condizioni il prossimo anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA