17.3 C
Roma
Maggio 18, 2021, martedì

Sempre più diffuse le carte di pagamento, tra effetto Covid e piano Italia Cashless

- Advertisement -

Nelle statistiche europee l’Italia ha osservato un notevole aumento dell’uso delle carte di pagamento e nonostante sia comunque indietro rispetto agli altri paesi dell’Unione, gli ultimi due anni si sono rivelati fondamentali per iniziare a colmare parte del gap.

La pandemia di Covid ha contribuito in modo importante all’incremento: infatti, molti italiani nell’ultimo anno hanno preferito effettuare acquisti online laddove possibile, per evitare il più possibile i contatti con gli altri all’interno dei negozi fisici. A ciò si aggiunge naturalmente l’impegno del governo, che per ridurre l’uso dei contatti ha avviato il piano Italia Cashless, con cui si incentiva l’uso delle carte di pagamento anche nei punti vendita tradizionali.

Per queste ragioni, è aumentato sempre di più da parte degli italiani anche l’interesse per carte di credito, di debito e prepagate. La tendenza è quella di individuare la proposta più conveniente e in grado di soddisfare meglio le proprie necessità: sul mercato, infatti, gli istituti di credito erogano strumenti dalle più diverse peculiarità per coprire al meglio tutte le esigenze dei privati.

Un aiuto per orientarsi nella scelta arriva da siti come www.cartetop.it, portale che mette a confronto le carte di pagamento più diffuse del momento, per offrire all’utente una panoramica dettagliata.

Gli italiani hanno modificato le loro abitudini

Il coronavirus ha cambiato repentinamente le consuetudini dei cittadini costringendoli per un periodo di tempo in casa e questo ha influito sia sulle loro modalità di acquisto sia su quelle di pagamento di beni e servizi. Il lockdown ha spinto le persone a prediligere gli acquisti online partendo dai prodotti non essenziali fino ad arrivare alla spesa giornaliera, preferendo pagamenti elettronici.

L’e-commerce dal 2020 ha subito un incremento esponenziale, registrando un boom inatteso in settori come l’edilizia e il gardening, proprio grazie alle restrizioni che hanno spinto le vendite verso canali digitali. Il contante ha registrato durante l’epidemia un calo importante anche perché il surplus di lavoro che hanno avuto alcune attività come i supermercati e le farmacie, con le consegne a domicilio, richiedeva pagamenti veloci, evitando il più possibile il contatto con i clienti.

Il passaggio dalla carta moneta al digitale era stato richiesto e promosso dal governo italiano già da parecchi anni ma i cittadini sono sempre stati restii al cambiamento, come dimostrano i dati relativi ai prelievi di contante presso gli ATM delle banche. Questi stessi dati invece vengono ribaltati durante il 2020, confermando almeno il raddoppio delle transazioni online. Questo favorisce non solo lo snellimento di molte procedure aziendali come i versamenti in banca che vengono evitati, ma incrementano la tracciabilità delle operazioni, permettendo di diminuire così l’evasione fiscale.

Cashless di Stato e carte di pagamento

Il governo italiano, proprio per dare un’ulteriore e definitiva spinta ai pagamenti online e aiutare i negozi fisici, ha introdotto un piano che consente di restituire il 10 % di quello che si acquista solo se il pagamento è elettronico.

È uno strumento che incentiva l’uso delle carte di credito, le prepagate e anche l’uso delle app come Google-pay, l’importante è che gli acquisti vengano fatti in negozi fisici, escludendo in questo caso quelli online. Non c’è un minimo di spesa ed è possibile ottenere rimborsi fino a 300 euro annuali effettuando almeno 50 operazioni semestrali.  Questo ha stimolato i consumi ed ha fatto registrare un aumento notevole della spesa degli italiani che hanno deciso di preferire la carta al contante.

In virtù di questi aspetti le carte di pagamento sono sempre più diffuse perché riescono a soddisfare al meglio le molteplici esigenze dei consumatori. Le banche, per assecondare le richieste dei fruitori, soprattutto in questo periodo, hanno creato dei prodotti molto vantaggiosi.

Per esempio, la carta di credito Blu di American Express è un prodotto molto flessibile che consente i pagamenti a saldo o in rate diversificate senza scendere sotto i 40 euro. Permette di richiedere un credito di 5000 euro, il primo anno è gratis e non ha costi di emissione. Il suo punto di forza è la flessibilità della rata, unita al fatto che è possibile riavere indietro l’1% di quello che si spende.

Tra le carte conto prepagate invece, la più competitiva è la HYPE Start poiché oltre al fatto di essere totalmente gratuita, non prevede spese sui prelievi presso gli ATM in Italia e all’estero, rendendola perfetta per chi viaggia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
Mr. Redhttps://metropolitanmagazine.it/
Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e questo è quanto basta.
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -