Gossip e Tv

Ciro Priello, la moglie Maura Iandoli: “Ci teniamo a mantere la nostra identità artistica distinta”

Ciro Priello, la moglie è la blogger Maura Iandoli. Uno dei volti del gruppo noto sul web The Jackal, stasera intraprenderà una nuova avventura su Raiuno: il giovane campano, sarà tra i concorrenti di Tale & Quale Show, al via a partire dalle 21:30.

La Iandoli è nata a Napoli ed ha studiato canto e ballo al Teatro Totò e al Teatro delle Palme nella città partenopea. Nel passato della moglie di Ciro Priello c’è anche la radio: attualmente sta scrivendo un libro. Tra i progetti della blogger (come ama definirsi) anche un podcast.Nutre una grande passione per la psicologia che l’ha portata a creare un format ad hoc Instagram dal titolo “Che Ne Dice Freud?“che ha raccontato così sulle pagine di Ambasciator.it:

Ciro Priello e la moglie insieme da sette anni

“Che ne dice Freud?” Nasce da un’esigenza personale. Eravamo in zona rossa, piena pandemia, stavo male, ho pensato che come me potevano starci altre persone e potevamo darci supporto a vicenda e ci tenevo che ci fosse una figura professionale e indicata a fare da faro.
Ho trovato Ilaria ed è stato amore. Sono felicissima di averla conosciuta. Inizialmente avevo pensato al format come qualcosa di itinerante, un professionista nuovo ad ogni puntata e invece Ilaria mi ha fatto innamorare e come me, tante altre persone. La trovo dolcissima, ma soprattutto preparata e in gamba.
Quindi si, a me ha fatto benissimo. Tra l’altro in concomitanza col format ho iniziato terapia personale, quindi, sono davvero felice. Lo slogan è: “abbiamo Instagram, usiamolo bene”.

fonte: Ambasciator.it

Ciro Priello e la moglie sono insieme da sette anni: dalla loro unione è nata la piccola Anna 5 anni fa. Lo scorso ottobre la coppia ha adottato in un canile napoletano un bellissimo meticcio nero di nome Ray. Riguardo il rapporto con il marito ha dichiarato:

Ho fatto parte di alcuni loro video e mi sono sempre divertita. The Jackal è un’azienda incredibile.
Ma io e Ciro abbiamo progetti lavorativi, seppur apparentemente simili, in realtà diversi.
Ci teniamo a mantenere la nostra identità artistica distinta pur mantenendo il supporto reciproco.

Fonte Ambasciator.it

Seguici su

Facebook, Instagram, Metrò

Back to top button