16.5 C
Roma
Aprile 17, 2021, sabato

Come affrontare la manutenzione dell’ascensore: i servizi disponibili e le principali regole da rispettare

- Advertisement -

La manutenzione degli ascensori è molto importante per due fattori principali: la sicurezza e la tutela della salute. Parliamo infatti di uno strumento che ha uno spazio ridotto e che, vista anche la contingenza della pandemia, è un luogo ad alto rischio per la trasmissione di virus e batteri.

Per provvedere al controllo e alla pulizia periodica ci sono diversi servizi disponibili, che devono rispettare gli obblighi di legge sulla frequenza delle manutenzioni e le modalità di verifica del funzionamento. In grandi città, come la Capitale, è importante scegliere una ditta specializzata nell’installazione di ascensori a Roma, perché certamente preparata ad affrontare l’attività e conosce le peculiarità di grandi centri urbani, che si caratterizzano per la presenza di palazzi storici, nei quali gli ascensori richiedono un’attenzione maggiore.

Manutenzione ordinaria


La normativa che regola la manutenzione ordinaria degli ascensori è l’articolo 15 del dpr 16/99, nel quale viene sancito l’obbligo di affidare la manutenzione dell’ascensore ad una ditta o un professionista abilitati per eseguire questo tipo di attività. Non si può dunque pensare di effettuare controlli fai da te o con ditte non specializzate.

Per quanto riguarda invece il numero delle visite di controllo annuali, la legge obbliga il proprietario dell’ascensore a effettuare due interventi all’anno di verifica della funzionalità e dell’efficienza dei componenti per la sicurezza, come il paracadute e le funi. A queste visite si aggiungono quelle di manutenzione preventiva, che riguardano il controllo del regolare funzionamento delle porte, delle serrature e della pulizia e lubrificazione delle parti di apertura. In questo caso non c’è un numero stabilito di visite durante l’anno, ma è opportuno stabilire un calendario periodico, in base alle necessità dell’impianto. Se ad esempio siamo di fronte ad un impianto obsoleto, è importante effettuare almeno un intervento mensile.

Manutenzione straordinaria


La manutenzione straordinaria riguarda tutti gli interventi necessari a seguito di rotture o malfunzionamenti. In questo caso è l’amministratore di condominio o il proprietario dell’ascensore a richiedere un intervento immediato che ha un costo extra rispetto al contratto già stipulato per la manutenzione ordinaria. Proprio per questa natura dell’intervento, qualora il preventivo della ditta incaricata non soddisfi chi lo richiede, si potrà assegnare il lavoro ad una ditta terza e poi far effettuare il controllo dalla ditta che già detiene l’appalto per quell’edificio. Rientrano negli interventi di manutenzione straordinaria anche gli ammodernamenti degli impianti o la sostituzione di alcune parti dell’ascensore. In questo caso per effettuare i lavori si ricorre all’approvazione dell’intervento in assemblea condominiale che deciderà su base maggioritaria.

Prevenzione anti-Covid


L’arrivo del Covid ha modificato anche le regole per accedere in ascensore e il responsabile per la manutenzione, ha l’obbligo di effettuare periodicamente la sanificazione. In questo caso, l’intervento di sanificazione può essere affidato o alla ditta che già si occupa della pulizia dell’edificio o a un’azienda esterna specializzata nella sanificazione degli ambienti. È inoltre consigliato affiggere in prossimità dell’ascensore delle indicazioni sull’utilizzo, come ad esempio quella di utilizzare l’ascensore una persona alla volta, di detergere le mani in entrata e in uscita e di lasciare le porte aperte qualche minuto per far cambiare l’aria prima di accedere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -