Recensione

Come scegliere la giusta pressa piegatrice ad alto tonnellaggio

Adv

Quali sono i fattori da considerare nella scelta della giusta pressa piegatrice ad alto tonnellaggio?

Le piegatrici ad alto tonnellaggio sono dei veri e propri giganti. A differenza delle cugine più piccole, si tratta di macchine utensili che devono sopportare elevate forze di pressione perché lavorano materiali di grandi dimensione e spessore. Inoltre, lavorano in condizioni particolarmente gravose, specialmente quando si tratta di piegare acciai alto resistenziali.

Dimensione della struttura e peso sono alcuni dei fattori da considerare attentamente quando valuti l’acquisto di una piegatrice per lamiera, ma ce ne sono altri che non devi trascurare. Vediamo quali sono.

Solidità della struttura: si parla spesso del peso della pressa piegatrice come misura per capire se la macchina è in grado di reggere alle forti sollecitazioni a cui è sottoposta. Ma non è l’unico elemento da guardare. Infatti, altrettanto importante è la conformazione della struttura stessa. Ad esempio, l’altezza e la profondità delle spalle sono un elemento chiave per capire la qualità di una pressa piegatrice ad alto tonnellaggio: spalle troppo basse e non sufficientemente larghe non riuscirebbero a reggere alle pressioni alle quali la macchina è sottoposta, con il rischio di rovinare irrimediabilmente la pressa piegatrice. Infatti, quando azioni la macchina, viene esercitata una forza sulla matrice e la macchina tende a “sbadigliare”; se le spalle della pressa piegatrice non sono sufficientemente larghe, questa forza non viene distribuita correttamente e rovina la macchina utensile e la lamiera.

Come scegliere la giusta pressa piegatrice ad alto tonnellaggio

Consumi: una piegatrice per lamiera ad alto tonnellaggio consuma molta energia. Quando possibile, è sempre consigliabile optare per una pressa piegatrice ibrida, in quanto combini tutti i vantaggi della forza e della precisione di piega di una piegatrice idraulica standard, insieme ad una elevata riduzione di consumo di energia propri della tecnologia ibrida.

Bombatura attiva con controllo in tempo reale: un materiale come l’acciaio alto resistenziale richiede molta forza per essere piegati. Abbiamo già detto che una delle prime conseguenze è che la struttura della piegatrice è sottoposta a notevoli deformazioni. Come si riesce a mantenere una costanza d’angolo lungo tutto il profilo di piega ed evitare di sprecare materiale?

L’unica soluzione veramente efficace è il controllo dell’angolo in tempo reale, come, ad esempio, il dispositivo di bombatura attiva Clever Crowning di VICLA srl.

Con il sistema di bombatura in tempo reale Clever Crowning, il controllo numerico della piegatrice gestisce autonomamente la correzione dell’angolo di piega, senza alcuna necessità di intervento da parte dell’operatore, garantendo una piega sempre perfettamente lineare anche su materiali non uniformi. Questo permette anche a operatori poco esperti di ottenere ottimi risultati, senza spreco di materiale.

Ma la vera novità per mantenere una costanza d’angolo è unire i benefici del controllo d’angolo con il sistema Flex brevettato da VICLA per il controllo e il recupero delle flessioni strutturali delle spalle.

Come funziona esattamente?

In tutti gli altri sistemi le spalle di recupero flessioni compiono un lavoro passivo che non permette di “sentire” le flessioni strutturali della piegatrice. Nell’innovativo sistema FLEX di VICLA, invece, i sensori controllano e gestiscono lo “sbadigliamento delle spalle” in modo ottimale e preciso.

Per informazioni sull’acquisto di una macchina per lamiera VICLA visita vicla.eu oppure chiama il numero 031622065.

Adv
Adv
Adv
Back to top button