Cultura

Come scrivere un articolo per una testata giornalistica online: regole e consigli

Il giornalista è un professionista che per avere successo deve saper usare le parole per arrivare al lettore. Non si tratta semplicemente di raccontare una storia, o di spiegare un concetto. Si tratta piuttosto di arrivare al cuore di chi legge, di saper cogliere il suo io interiore e di appassionarlo a quelle poche righe scritte.

Redigere un articolo non è dunque un gioco da ragazzi, meno che meno se si scrive per una testata online.

Non ci crederai, eppure le regole da rispettare per la scrittura di articoli di giornali cartacei non sono uguali per quelli di una rivista sul web.

In quest’ultimo ambito, non è solo importante cogliere l’essenza del lettore, ma anche esser apprezzati e dunque posizionarsi bene nei motori di ricerca.

Pertanto la domanda che ci poniamo è: come scrivere un testo giornalistico specifico per essere letto online? Ci sono delle regole da seguire e differiscono da un articolo scritto per un quotidiano cartaceo? Abbiamo posto queste domande agli amici di www.2anews.it quotidiano online attivo sull’intero territorio campano e nazionale.

Le normali regole del giornalismo

Prima di analizzare le regole ulteriori per riuscire a scrivere un buon articolo online, soffermiamoci sul vademecum tradizionale del bravo giornalista.

Chi scrive deve raccontare dei fatti, e sicuramente in maniera velata possono essere proposti dei pareri personali, ma questi non possono e non devono pregiudicare i fatti così come sono avvenuti.

Se un giornalista per una testata fisica si reca sul posto, scrive la notizia perché in un certo senso la vive, il giornalista online invece scrive da casa. Quindi deve fare ulteriore attenzione a selezionare le fonti da cui attingere, con l’accortezza di non fare facili sensazionalismi, cosa purtroppo che oggi come oggi è comune in gran parte dei media.

Questi atteggiamenti spesso sfociano in notizie deformate, definite come “fake news” che possono compromettere la portata della testata online e la sua credibilità.

Le regole di internet, la prospettiva SEO (Search Engine Optimization)

Secondo le regole del web, innanzitutto bisogna organizzare l’articolo utilizzando delle tecniche che ti consentano di mettere in evidenza il tuo pezzo tra le ricerche di Google.

  • Il titolo

Il titolo è la chiave per redigere poi un eccellente articolo sul web. Deve contenere già qualche riferimento all’argomento che si vuole trattare, e non bisogna fare giri di parole.

  • La URL

La url, ovvero l’indirizzo internet dell’articolo, deve essere modificata a piacere nei moderni CMS come wordpress e dovrà avere al suo interno le parole chiavi fondamentali che si vuole far indicizzare.

  • L’introduzione

Fondamentale è poi la prima parte, ovvero l’introduzione. In queste 3-4 righe si dovrà citare già l’argomento, e quindi richiamare il contenuto del titolo, anche usando sinonimi ed in pratica riassumendo tutte le cose che si diranno nell’articolo.

  • Le parole chiavi

Tutto ruota intorno alle parole chiave. Può essercene sia una che più di una all’interno di un articolo, questo perché hanno lo scopo di aiutare i motori di ricerca ad indirizzare verso il tuo articolo piuttosto che verso gli altri della stessa tematica presenti sul web. La keyword deve essere nel titolo, nella prima parte dell’articolo, nonché nei paragrafi, e ripetute ( non troppe volte e in modo naturale) durante tutto l’articolo, anche usando sinonimi delle stesse parole chiave.

  • I paragrafi e altri strumenti

Importante come tecnica di scrittura invece è la suddivisione in paragrafi: ognuno di essi deve avere il suo argomento e l’approfondimento su una determinata questione dell’argomento stesso (la formattazione da usare è “intestazione 1” il primo poi va bene “intestazione 2 e 3”).

Rimanendo in tema, per quel che concerne la formattazione, un buon articolo deve contenere tabelle, numerazioni, ed elenchi puntati.

  • La parte finale

Occhio alla questione delle opinioni, che come anticipato possono anche esserci purché utilizzate con le pinzette. Di solito è l’ultimo paragrafo a contenere, e dunque ad essere intitolato “Conclusioni” o “Opinioni”.

La lunghezza ideale di un buon articolo online

Per quanto riguarda la questione della lunghezza, molti esperti SEO si sono espressi per cercare di dare una indicazione su come strutturare in termini di quantità di parole il testo.

Sebbene non si conoscano con precisione gli algoritmi di Google, gli esperti credono che la lunghezza di un articolo sia fondamentale ai fini del suo successo.

In parte inficia su questa lunghezza l’argomento di cui si sta parlando. Se ad esempio si parla di cucina, e di quella ricetta esistono già centinaia di articoli con una minima lunghezza di 600 parole, allora il tuo non potrà averne meno se vuole competere con la concorrenza.

Viene da sé dunque che spendere appena un centinaio di parole sull’articolo possa non essere il massimo. Tuttavia in caso di cronaca o di news importanti su cui ci vuole l’aggiornamento immediato, Google perdona articoli sintetici.

Lo stile per scrivere un articolo online?

Infine, cosa dire sullo stile di scrittura?

Questo sarebbe un discorso a sé stante considerato che non solo dipende dal sito ma anche dall’impronta del giornalista e dal target di lettori.

La bravura del professionista sta proprio nel sapersi adattare alla circostanza, cercando di scrivere sempre in modo lineare, semplice e comprensibile.

Questo perché, ahimè siamo un paese in cui la cultura media non è così elevata, per cui argomenti più tecnici e mirati potrebbero non essere capiti da chi non ha le competenze.

Ma non importa, perché esser bravi non vuol dire usare parole auliche ed erudite, ma saper arrivare al lettore.

Mr. Red

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e questo è quanto basta.
Back to top button