L’otto settembre 2023 prenderà il via in Francia la coppa del Mondo di Rugby. A tre anni precisi da quella data il comitato organizzatore ha annunciato i dettagli dell’evento, puntando su una manifestazione socialmente responsabile.

France 2023: preparativi in corso per la prossima coppa del Mondo di rugby

coppa del mondo rugby
Immagine di presentazione di “WE Love 2023 Tour” – credit pagina ufficiale dell’evento

Mancano tre anni precisi dall’inizio di France 2023, la prossima coppa del mondo di rugby che si disputerà proprio in casa dei transalpini. In occasione di questa data il comitato organizzatore ha deciso di svelare i dettagli sull’evento. Lanciato cosi anche un tour che porterà il grande rugby tra le città più importanti della Francia. Ecco il comunicato su World Rugby:

Parlando al lancio del “We Love 2023 Tour” a Parigi, il CEO di Rugby World Cup France 2023 Claude Atcher ha promesso che il torneo avrà un impatto positivo sulla società, stabilendo nuovi standard di inclusione sociale, impegno della comunità e protezione dell’ambiente per un rugby sostenibile mentre il mondo preme il pulsante di ripristino dopo COVID-19.

“France 2023 ha abbracciato una visione: avere un impatto positivo per il rugby, il pianeta e la Francia offrendo un evento responsabile che affronti le sfide di oggi e di domani. La Rugby World Cup 2023 sarà più di un evento sportivo. Lascerà un’eredità. “

I Piani per France 2023: le parole di Brett Gosper

L’amministratore delegato di World Rugby Brett Gosper ha applaudito i piani, che vedranno Francia 2023 fare un balzo in avanti rispetto ai risultati eccezionali raggiunti in Giappone 2019, che ha attirato due milioni di nuovi partecipanti allo sport, ha raggiunto un tasso di partecipazione del 99%, stabilito una nuova presenza di fan zone record di 1,13 milioni e ha prodotto un impatto economico record a livello nazionale di 4,3 miliardi di sterline.

“In un mondo di cambiamento e incertezza accelerato dalla pandemia globale di COVID-19, è importante che i grandi eventi non siano solo una cattedrale dello sport, una vetrina di prestazioni di livello mondiale, ma un simbolo di unità, diversità e cambiamento. La Coppa del mondo di rugby non è diversa. Il 2023 definirà una nuova era. Non si tratta più semplicemente di ciò che la Francia può fare per la Coppa del mondo di rugby, ma di ciò che il torneo può fare per la Francia, la sua società, le infrastrutture sportive e l’economia.

“A tre anni dalla fine, siamo fiduciosi che France 2023 manterrà i suoi impegni. Come ha sottolineato Claude sta già facendo ottimi progressi e sono convinto che il torneo sarà un forte veicolo di cambiamento sociale “.

La Coppa del mondo di rugby 2019 in Giappone ha raccolto 2 milioni di sterline. Soldi donati in beneficenza a Childfund per aiutare 25.000 bambini svantaggiati in tutta l’Asia attraverso il rugby. France 2023 cercherà di fare ancora meglio. Prendendo di mira cinque pilastri chiave per l’eredità del torneo: agire per la sostenibilità e l’economia circolare, sostenere l’istruzione, la formazione e l’occupazione, rispettare e proteggere l’ambiente, promuovere l’inclusività ed essere un campione per l’uguaglianza di genere.

Svelata la nuova identità dell’evento

Durante l’evento di lancio a Parigi, è stata svelata una nuova identità dell’evento, ispirato dall’idea di connessione, il cuore di mobius prenderà letteralmente vita collegando tutta la Francia nei prossimi tre anni. Si parte con “We Love 2023 Tour”, che visiterà 24 città in tutta la Francia dall’8 al 12 settembre Ottobre. Grazie a un treno dal marchio unico.

Progettata con una grafia francese unica, la nuova identità del marchio aiuterà a mostrare al mondo la bellezza della nazione ospitante. L’apice di questo sport unico e il suo potere di unire e plasmare dal vivo.

Questo il video di presentazione dell’Evento:

https://www.facebook.com/watch/?v=651448789101600&extid=MVg4yuAsQ383hsaA

Intanto svelato anche lo sponsor ufficiale della manifestazione che sarà SNFC, ovvero la compagnia di trasporti francese.

Continua a seguire il rugby sulle pagine di Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA