CulturaMetroNerdPaperNerd

Crisi d’identità – Recensione by Cultura Nerd

Qualche settimana fa, la RW Edizioni ha riportato sugli scaffali delle nostre fumetterie il vecchio cartonato della Planeta DeAgostini su una delle miniserie che più hanno sconvolto la Justice League.


Sì, perché in Crisi d’identità non si tratta di combattere contro un supercriminale che progetta il furto del secolo o di un invasore alieno che ha come obiettivo la conquista del mondo.

Qui qualcuno ha preso di mira i famigliari dei supereroi, attaccandoli lì dove fa più male e sono più vulnerabili, incominciando da Sue Dibny, moglie di Ralph Dibny, altrimenti noto come Elongated Man e uno dei pochissimi (se non l’unico) ad avere un’identità pubblica.

Così parte quello che è un vero e proprio giallo supereroistico: un omicidio praticamente impossibile da risolvere che porterà alla luce uno dei segreti più oscuri della vecchia Justice League che rischia di macchiare la memoria anche di eroi con una morale ferrea come quella di Barry Allen.
Da qui forse il titolo, una vera Crisi d’identità della JL di Hawkman, Zatanna, Freccia Verde e ovviamente Batman.

La copertina del cartonato "Crisi d'identità" edito da Planeta DeAgostini
La copertina del cartonato “Crisi d’identità” edito da Planeta DeAgostini

Proprio gli ultimi due si fanno maggiormente carico di scoprire l’assassino, con una domanda che riecheggia nella mente del Cavaliere Oscuro: “Chi ci ha guadagnato?”.

Un giallo che porterà gli eroi a sospettare di numerosi supercriminali, passando per il Dottor Light, Deathstroke e la Squadra Suicida, e ovviamente ad affrontarli a viso aperto, con la morte nel cuore.
Ma il tempo scorre e l’assassino non si fermerà dagli attacchi e le perdite umane anche tra i supereroi andranno aumentando.

Insomma, Brad Meltzer ha confezionato una storia d’altri tempi che vi terrà incollati fino all’ultima pagina provocandovi un susseguirsi di emozioni travolgenti.
Il tutto anche grazie al tratto di Rags Morales, che imprime grande umanità ai personaggi da lui disegnati in una maniera estremamente convincente.

Crisi d'identità - una delle cover della miniserie realizzata da Michael Turner
Crisi d’identità – una delle cover della miniserie realizzata da Michael Turner

Una storia difficile da dimenticare; forse l’unica pecca che posso trovare è che possa risultare problematico capirne il background se non si conoscono gli eventi che interessavano la DC Comics di quegli anni, ma si segue benissimo lo stesso. Quanto altro ancora vorrei raccontarvi e mostrarvi, ma mi fermo qui per evitare gli spoiler. Per il momento posso solo aggiungere che 20€ per questo cartonato sono sicuramente una buona spesa, e se vi capitasse di trovarla ancora in fumetteria, non fatevela scappare.

Se invece l’avete già letta, fatemi sapere cosa ne pensate nei post dedicati nelle rispettive pagine:
Metropolitan Magazine Italia  &  Cultura Nerd

Back to top button