CalcioSport

Curva Fiesole tra genio e goliardia

La Curva Fiesole, cuore pulsante del tifo Viola, nella storia si è inventata di tutto, con “colpi” davvero da maestri.

Lo sappiamo ormai tutti, lo vediamo nei film e nei personaggi famosi, i toscani amano la battuta e “l’arte” del cazzeggio come pochi altri. Massimiliano Allegri lo descrive perfettamente nella sua biografia, in cui dice che ama vivere la vita in maniera leggera ed ironica, senza prendersi troppo sul serio.

Questo modo di vivere lo vediamo anche in altri personaggi famosi, su tutti Panariello e Pieraccioni, capaci di costruire carriere fenomenali sull’arte del cazzeggio e della risata. Ma cosa c’entra tutto questo con il calcio? Tutto quello che viene proposto dalla Curva Fiesole ogni domenica in cui la Fiorentina gioca all’Artemio Franchi, nasce dalla filosofia toscana del prendersi poco seriamente.

La goliardia della Curva Fiesole

Da sempre nel calcio assistiamo a vere e proprie manifestazioni goliardiche, sfottò, frasi diventate celebri per la loro ilarità. Anche il tifoso della Viola non è immune a questi gesti, la Curva Fiesole spesso si è resa protagonista di frasi o striscioni molto divertenti.

Curva Fiesole
Curva Fiesole in un Firorentina-Genoa Credits: violanews.com

Spesso e volentieri l’ironia fiorentina ha prodotto vere e proprie gag che non sono mai state dimenticate. Uno striscione, tra i più celebri, è quello esposto in un Como-Fiorentina, dove la parte di curva presente allo stadio si presentò con un <<Voi comaschi noi con le femmine”>>, tipico esempio della vena ironica degli ultras della curva fiorentina.

Nel derby contro l’Empoli la Curva Fiesole si è superata, quando al Castellani si presentarono con un <<Ma lo stadio che l’avete preso all’Ikea?>>, prendendo in giro la struttura poco moderna dell’impianto avversario.

Come non ricordare poi gli striscioni ai tempi di Cecchi Gori, quando Luna e Kanchelskis vennero presi di mira dalla Curva Fiesole, viste anche le pessime apparizioni dei due giocatori: <<Dopo Luna le due>>, <<Coi soldi del ciclone c’hai comprato il ciliegione>>. L’apice però si è toccato nel post crisi, quando il presidente venne definito come l’Uranio <<Sei come l’uranio…impoverito>>, decretando di fatto la fine di un’era in maniera ironica.

Il bersaglio preferito dei tifosi della Fiorentina, sono però quelli juventini, data la rivalità secolare tra le due società e tifoserie. Molto spesso a farne le spese sono stati i proprietari dei bianconeri, ovvero la famiglia Agnelli, partendo dal celebre <<Siete brutti come la Multipla>>, auto di marca FIAT. Se non bastasse, dopo Calciopoli gli sfottò si sono moltiplicati tra <<Moggi qui p r ende>> e quelli per Conte per la vicenda calcioscommesse <<Con-te alla Snai>>, insomma, ogni scusa è buona per tirare qualche frecciata al nemico juventino.

L’inventiva momentanea

Non esiste solo il nemico sportivo, ma anche lo sfottò occasionale, dovuto a risultati poco edificanti degli avversari. Ormai celebre lo sfottò a Sorrentino (Grazie Sorrentino) dopo un Fiorentina-Catania, dove il portiere ora in forza al Chievo ne prese 5. Anche l’Inter di Stramaccioni è stata vittima del genio fiorentino; dopo una sonora sconfitta patita proprio dalla Viola, la Fiesole tirò fuori un coro che intonava <<Il pallone è quello giallo>>, suscitando le risate di molti.

Insomma, il tifo fiorentino non è mai stato incline alla tranquillità, ma molte perle hanno portato a veri e propri tormentoni epici che ricorderemo per sempre.

Non solo goliardia

Curva Fiesole
Fiorentina-Napoli tifosi rivalità Getty Images

Nel tempo abbiamo visto atti poco edificanti da parte di molte tifoserie, purtroppo sfociati anche in finali molto gravi. La Fiesole, fortunatamente non ha mai preso parte ad azioni particolarmente violente contro altre tifoserie, ma contro le sue rivali storiche talvolta qualche disordine si è creato. Contro la curva della Juve ci sono stati spesso scontri sia verbali che fisici, come nel 1992 e nel 1996, dopo due partite in casa della Viola.

Nel 2011 invece sono stati proprio i tifosi della Fiorentina ad attaccare due pullman di tifosi della Juve. L’attacco ha portato la reazione dei sostenitori bianconeri che ha portato ad un vero e proprio testa a testa che ha lasciato tre feriti, 120 fermati e il coinvolgimento dei sostenitori della squadra ungherese dell’Ujpest, gemellati con la tifoseria fiorentina.

Diversi scontri sono avvenuti invece contro la frangia estremista della curva dell’Atalanta, ma spesso questi scontri sono avvenuti più per ideologie politiche che per il risultato sportivo. Nella storia sono molti anche gli scontri con i tifosi del Pisa e del Siena, dovuti alle forti rivalità regionali che esistono da decenni, più per astio territoriale che per astio sportivo.

PER TUTTI GLI ARTICOLI DELL’AUTORE

https://www.facebook.com/gabriele.due?ref=bookmarks

@GlaspinaOff

Seguici su:

https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia/

@MMagazineItalia

Back to top button