InfoGeek

Dalla visita al click: come le aziende online generano nuovi clienti

La call-to-action: invitare al click

L’e-commerce ha modificato le attitudini di acquisto dei consumatori di tutto il mondo. La velocità delle compravendite e delle transizioni, la varietà della scelta, la multicanalità, la comodità e la presenza di svariate tipologie di offerte sono alla base di questo successo planetario, arrivato a sfiorare un business di quasi 40 miliardi soltanto in Italia. Le aziende, dalle realtà già consolidate alle start up, si sono trovate di fronte a una richiesta in crescita costante, ma anche a un consumatore attento su confronti tra prezzi e recensioni comparate, nonché a una concorrenza amplificata su scala globale. Ecco allora che, tenendo conto anche della rapidità dei processi decisionali di acquisto, le imprese hanno iniziato a mettere in atto le tecniche di marketing innovativo più performanti. Una di queste è la call to action o CTA, ovvero “la chiamata all’azione”. Per call-to-action si intendono dunque tutte quelle tecniche che trasformano uno dei tanti visitatori in un potenziale consumatore, se non in un nuovo cliente al momento stesso del click. Le tecniche in questione possono consistere in bottoni promozionali diretti a specifiche “landing page”, ovvero pagine di atterraggio verso il sito aziendale, ma anche in e-mail personalizzate e form da compilare, oppure in download e materiali da scaricare anche via app, o ancora in prenotazioni di incontri informativi telematici. L’utilità per l’azienda è quella di raccogliere dati e informazioni sul cliente – previo consenso informato, magari da utilizzare successivamente per l’invio di promo personalizzate. Talvolta, nei casi più fortunati, l’invito al click viene raccolto subito, e il semplice visitatore si trasforma, con un solo colpo di mouse, in un nuovo cliente da fidelizzare nel tempo.

Quando la chiamata al click contiene un incentivo

Quando la call-to-action contiene anche un benefit economico da riscuotere nell’immediato, è più probabile che questa ottenga maggiore successo e adesione, visto che i consumatori scelgono la Rete anche per la sua convenienza. Le tecniche e i canali per unire CTA e marketing promozionale sono numerose e variegate. Una tra le più in voga sono i coupon o codici sconto, ovvero delle stringhe alfanumeriche da inserire negli spazi dell’annuncio o della form per ottenere sconti diretti su prodotti di ogni genere, talvolta anche spendibili nei negozi fisici. Nel campo dei servizi digitali l’invito al click assume forme particolari, specialmente nel settore dell’intrattenimento online. Ne sono esempi le prove gratis degli operatori di contenuti streaming, oppure i crediti gratuiti da spendere nelle piattaforme a mo’ di prova, come i bonus casino nella loro variante senza deposito, tipici dei concessionari a distanza, o come quelli applicati dalle aziende del gaming videoludico, che possono sbloccare livelli di gioco o altre ricompense. A queste tipologie di incentivo al click si aggiungono anche le spese di spedizione gratuite, oppure l’invio di tester e campioni omaggio. Quest’ultima pratica è piuttosto gradita dai consumatori e interessa principalmente i settori del food, della cosmetica e della cura del corpo e della casa. Le aziende che invece vendono beni di lusso o dal maggior valore economico – dalla gioielleria al tech – devono per forza di cose puntare su sconti vantaggiosi, anche a tempo, proposti come benvenuto speciale riservato ai nuovi clienti.

Copy e grafica: alla base di un buon annuncio

Anche l’occhio vuole la sua parte, specialmente per il fatto che la Rete è sovraffollata di annunci e messaggi pubblicitari di ogni genere. Quando si crea una strategia di call-to-action, alcuni tra i fattori più importanti da considerare per realizzare un buon annuncio sono:

  • grafica accattivante e capace di attrarre l’occhio e suscitare curiosità, meglio se con un richiamo cromatico al brand e in linea con la natura del prodotto/servizio
  • testo breve, con il necessario elemento informativo abbinato a un claim (promessa) o a un testo (copy) originale e stimolante
  • messa in evidenza della temporaneità del benefit: in poche parole fare leva sull’urgenza della promozione, per non perdere l’occasione offerta.

Mr. Red

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e questo è quanto basta.
Back to top button