Sport

Dazn: dalla prossima stagione stop alla doppia utenza

Dazn contro i furbetti mette i primi stop per la prossima stagione: «Fatto un uso scorretto dei nostri abbonamenti»

Adesso è ufficiale stop alla doppia utenza Dazn dalla prossima stagione

Dopo mesi di discussioni e polemiche Dazn conferma che dalla prossima stagione non sarà più possibile utilizzare lo stesso abbonamento su due dispositivi contemporaneamente. L’unica eccezione è prevista nel caso in cui i due dispositivi siano collegati allo stesso indirizzo IP, cioè nella stessa abitazione.

A spiegarlo è Veronica Di Quattro, chief revenue officer Europe di Dazn, piattaforma che detiene i diritti della Serie A. Al quotidiano Milano Finanza ha dichiarato:

«Le nostre condizioni di servizio stabiliscono chiaramente che l’abbonamento è personale e non cedibile»

«La concurrency consente di vedere contenuti in contemporanea su più dispositivi. Dal nostro monitoraggio abbiamo invece riscontrato che la funzionalità è sfruttata in modo scorretto da utenti che mettono in vendita una delle due utenze. Un cambiamento sarà quindi possibile ma in futuro, probabilmente dalla prossima stagione».

Per utilizzare l’abbonamento su più dispositivi sarà introdotto un nuovo pacchetto:

«Il nostro obiettivo resta sempre quello di fornire un’esperienza flessibile all’utente e quindi introdurremo abbonamenti modulabili in base alle diverse esigenze, per esempio con forme di sottoscrizione familiare

Di Quattro smentisce le accuse sull’audience bassa e sulla possibile acquisizione da parte di Amazon

Di Quattro ha anche voluto fare un chiarezza sull’audience della piattaforma di streaming che, secondo indiscrezioni, sarebbe stata inferiore alle attese.

Abbiamo un’audience media di 6,5 milioni di spettatori a giornata, superiore al pre Covid, con picchi di 7-7,3 milioni nelle giornate con partite di cartello. Gli abbonati attuali costituiscono una cifra soddisfacente e in linea con le nostre aspettative, così come lo sono i ritorni pubblicitari, con un aumento del 20% degli investitori sulla serie A. Auspichiamo di rimanere partner della Lega a lungo termine. La nostra non è un’attività semplice e richiede sviluppi tecnologici, di contenuti e di prodotto che richiedono know-how e capacità di mettere a fattori comune competenze acquisite in più mercati.

Di Quattro, infine, ha risposto anche in merito alle voci su un possibile acquisto della piattaforma da parte di Amazon

Il nostro proprietario Access Industries crede fermamente nel progetto ed è pronto a supportarci in futuro. Detto questo, siamo una società ad alta crescita e quindi per definizione aperti a tutte le ipotesi e a tutte le opzioni sul tavolo. Il nostro orizzonte di investimento è di medio-lungo termine con l’ambizione di diventare una sport destination platform

Segui Metropolitan Magazine su Facebook

Back to top button