EV

E-STC Series, scopriamo il nuovo campionato italiano elettrico con Tesla

Adv

E-STC Series è il primo campionato italiano monomarca totalmente dedicato all’elettrico. Voluto fortemente da ACI Sport e Formula X Italian Series, avrà inizio nella seconda metà del 2021. Le protagoniste della nuova competizione saranno le Tesla Model 3 E-ST, touring car molto performanti, capaci di promettere spettacolo. Nell’attesa del suo inizio, andiamo a scoprire come si svolgerà il giovane campionato e come poter vedere le gare.

Il campionato e tappe dell’E-STC Series

Il campionato E-STC Series sarà il primo campionato full-electric dell’automobilismo italiano. Voluto da ACI Sport, si pone come obiettivo quello che ormai tutte le serie elettriche si aspettano: promuovere le nuove tecnologie e le energie rinnovabili. Proprio per questo motivo, oltre all’utilizzo della Model 3 E-ST di Tesla, l’organizzazione ha in programma numerosi eventi commerciali dentro e fuori la pista per sensibilizzare al cambiamento.

tesla model 3 e-st auto da corsa campionato elettrico italiano estc series
Tesla Model 3 E-ST sarà la nuova auto da corsa elettrica impegnata nel campionato monomarca italiano E-STC Series – Photo Credit: ESTC Series website

In ottica futura, sono previsti altri campionati della stesa categoria per altre nazioni e a livello continentale. Il campionato sarà composto a sua volta dalla sotto-competizione Sprint e da quella Endurance. Tutte le gare saranno corse in Italia, sui maggiori circuiti presenti nel Bel Paese, come quello di Vallelunga, Imola e di Misano. Per la categoria Sprint sono state istituite 6 gare, mentre per quella Endurance saranno 3. Per la prima stagione il campionato sarà monomarca, ma in futuro sarà permessa l’entrata di nuovi costruttori.

La vettura: Tesla Model 3 E-ST

La Tesla Model 3 E-ST sarà la vettura della prima stagione di E-STC Series. Il campionato debutterà come serie monomarca, dove la vettura del marchio californiano sarà protagonista. 20 auto, tutte uguali ma guidate da diversi talenti. L’auto, rispetto alla Model 3 di serie, è equipaggiata con un kit sviluppato da Unplugged Performance, aerodinamica completamente rivista, e i principali componenti di sospensioni e freni modificati per garantire prestazioni e affidabilità nell’utilizzo racing.

tesla model 3 e-st
La Tesla Model 3 E-ST alla prestigiosa cronoscalata del Pikes Peak – Photo Credit: E-STC Series sito ufficiale

Nonostante monti il powertrain originale, la vettura è capace di toccare velocità di oltre 260 km/h, e di avere un’accelerazione da 0/100 Km/h in meno di tre secondi. Esteticamente rispecchia molto il nome di “super touring car”, poiché sembra una creazione ispirata ad una GT4 e ad una vettura touring. Il prezzo di acquisto della versione racing è di 86.900 euro. L’equipaggio che guiderà queste vetture sarà composto da un pilota per la serie Sprint (due nel caso in cui si volessero dividere i costi con un’altra persona), e due obbligatori per la serie Endurance.

Il format di gara dell’E-STC Series

Il weekend di gara sarà strutturato in due giornate. Durante i weekend dedicati allo Sprint, è previsto lo svolgimento di due sessioni di prove libere, una qualifica in versione superpole (un tentativo per pilota) e la gara sprint. Le due giornate sono indipendenti e, seppure la classifica principale terrà conto del punteggio di squadra, ogni giornata di gara vedrà come protagonista uno solo dei due piloti, con relativo podio individuale.

pilota tesla auto da corsa elettrica
Obbligatoriamente, dovranno esserci due piloti per team, rispettivamente di sesso maschile e femminile – Photo Credit: ESTC Series website

Un ottimo compromesso per poter dimezzare i costi dividendo la macchina con un compagno di squadra senza rinunciare all’adrenalina della gara corsa individualmente. Il campionato Endurance, invece, prevede una doppia manche con una percorrenza in gara di 200 chilometri, divisa sui due giorni. Il cambio pilota sarà obbligatorio in entrambe le metà di gara, e sulla falsa riga dell’idea di altri neo-campionati, l’E-STC Series obbliga i team ad avere un pilota di sesso maschile ed uno di sesso femminile nell’equipaggio. In caso di presenza di due uomini o due donne, i team saranno costretti a scontare una penalità.

Come seguire il campionato

Per seguire la prima edizione del campionato italiano di E-TSC Series ci saranno varie possibilità: la diretta streaming sui canali social del campionato, il sito ufficiale, i vari profili di social network della competizione. Dal vivo la scena è ancora più bella: sarà possibile seguire le gare direttamente in autodromo, e al di fuori delle sessioni in pista sarà possibile conoscere i piloti attraverso vari show che l’organizzazione promuoverà. Foto, video, interviste, addirittura il “fan boost”: tutto il massimo potenziale mediatico espresso sin dall’inizio. Per concludere, ogni team avrà a disposizione la sua attrezzatura, un minimo di due meccanici ed un ingegnere ed un abbigliamento per ogni squadra. Il tutto darà un’immagine unica al campionato, così come ad ogni team.

Anche la redazione motori di Metropolitan Magazine seguirà questa serie, raccontandovi, gara dopo gara, le novità dell’ambiziosissima nuova serie elettrica. Vi ricordiamo di seguire la competizione sui propri canali social Facebook, Twitter ed Instagram.

estc series
“Electric Vibes”, il motto utilizzato dal nuovo campionato – Photo Credit: E-STC Series Twitter

SEGUICI SU:

? INSTAGRAM: https://www.instagram.com/motors.mmi/
YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCigTTOEc6pPf3YtJMj9ensw
?️ SPOTIFY: https://open.spotify.com/show/4r2r46o8ZTBOnjzPG7Hihw
PAGINA FACEBOOK: https://www.facebook.com/motors.mmi/
✍️ GRUPPO FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/763761317760397
? NEWS MOTORI: https://metropolitanmagazine.it/category/motori-sport

Alessio Auriemma

Adv
Adv

Alessio Auriemma

Classe '03, di Napoli. Aspirante giornalista sportivo, appassionato di qualsiasi sport, alla prima esperienza con una testata giornalistica ufficiale. Dalla tenera età porto con me una grandissima passione per il mondo delle corse e in particolare per il Cavallino, sin da quel primo giorno nel Museo Ferrari.
Adv
Back to top button