Attualità

Fatphobia: cos’è e perchè il grasso fa paura

La fatphobia, ovvero la paura del grasso, è sempre più diffusa. Ecco perchè può creare gravi danni.

La fatphobia

Credit: Fishtown Wellness Center

Pur vivendo nell’epoca della body positivity, la strada per la reale accettazione di corpi di ogni taglia e forma è ancora molto lunga

Non è affatto facile calarsi nei panni di chi è costretto a vivere la Fatphobia sulla propria pelle tutti i giorni.

Per molti il problema è culturale ed è talmente radicato che il grasso viene visto come qualcosa da temeredestare e allontanare: si tratta, appunto, di una vera e propria fobia.

I danni della paura del grasso

Nella società, le uniche concessioni ai corpi in sovrappeso sono rappresentate da modelle curvy, perfettamente proporzionate e bellissime.

Molto spesso la fatphobia si traduce in una lunga serie di comportamenti tossici nei confronti di chi, secondo il nostro limitato metro di giudizio, non è abbastanza snello.

Nelle sue varianti più gravi, la Grassofobia può arrivare a dipingere le persone in sovrappeso come lavativeingorde e persino sporche e poco professionali

Spesso le persone obese vengono trattate in modo diverso, tanto da poter incontrare persino delle difficoltà nel trovare lavoro.

Stop alla fatphobia

Le persone con dei chili in più sono spesso vittime di svalutazione e di insulti da parte della società, estremamente aggressiva.

In merito a ciò, è intervenuta la psicologa e psicanalista Elena Benvenuti:

“Occorre considerare le conseguenze di un atteggiamento fatphobic. Le persone con qualche chilo di troppo, fino a quelle obese, vengono costantemente bombardate da messaggi di svalutazione che, giorno dopo giorno, si sedimentano, creando un senso di inadeguatezza difficilissimo da eliminare. Spesso la società attuale è aggressiva (pur fingendo di non esserlo) nei confronti delle persone con taglia XXL, donne in primis, colpevolizzandole per i loro chili di troppo, come se fosse tutta questione di mancanza di volontà e di decoro. Si tratta a tutti gli effetti di un pregiudizio e di un modo di denigrare dannosissimo, che può tramutarsi in vero e proprio fanatismo”.

Superare la fatphobia, quindi, non è un percorso semplice. Accettare ogni tipo di fisicità non è sufficiente a sconfiggerla.

Infatti, la paura stessa di vedere ingrassare il proprio corpo è una delle manifestazioni più subdole della Grassofobia.

Prendersi cura di sé stessi

Secondo Carlo Borriello, medico estetico e specialista in chirurgia maxillo facciale:

“È importante, per chi lavora nel mondo del beauty, impegnarsi a veicolare messaggi molto chiari per quel che riguarda la cura del proprio aspetto fisico. Invece di promettere dimagrimenti miracolosi o risultati da filtro Photoshop, conta guidare per mano le donne che si rivolgono a un professionista dell’estetica (medicina e non), insegnando un modo di prendersi cura della propria bellezza, che valorizzi i punti di forza e lavori sugli inestetismi lamentati in maniera pacata, con focus sui concetti di salute e benessere”.

A conferma di ciò, la psicologa Benvenuti ha dichiarato:

“È come quando una donna si mette a dieta per far contenti il partner/il capo/la famiglia/le amiche. Sicuramente la sua dieta fallirà. Se invece la persona decide di intraprendere un percorso alimentare improntato al sentirsi bene, più leggere e, soprattutto, più felici, il discorso cambia parecchio”.

Adv

Related Articles

Back to top button