Fra(h) dramma e sogno: Frah Quintale al MAXXI

Nella bellissima cornice del MAXXI a Roma, Undamento festeggia i suoi artisti, e torna Frah Quintale in grande stile

Un evento al completo quello di giovedì, al MAXXI, nel Museo nazionale delle arti del XXI secolo. Una location perfetta per ospitare la serata di Undamento, l’etichetta indipendente di Milano che ha firmato Cd per un bel po’ di gente. Ricordiamo Coez, Frah Quintale tra i più famosi, e poi tanti altri come Dutch Nazari, Joan Thiele, Ceri, che fanno parte della grande famiglia di Undamento e che ieri hanno festeggiato tutti insieme a Roma, e che hanno mostrato al pubblico come ci si diverte in famiglia, tra musica e arte.

Ph by Andrea Segoni
Ph by Andrea Segoni

Una festa così omaggia i suoi artisti e Undamento ha capito bene come fare. Dando la possibilità a questi artisti di esibirsi su un palco importante, di farli sentire a casa, di permettere di avere un pubblico che possa ascoltarli e acclamarli. Si sono susseguiti tutti gli artisti dell’etichetta: Dutch NazariCeriJoan ThieleDolaIrbis 37SpzSee Maw e per ultimo, guest star inaspettata fino al suo annuncio, la sua unica data estiva, Frah Quintale. Una mina vagante che esplode sempre nel modo giusto sul palco, anche senza band, anche improvvisato, anche in freestyle, anche se non ricorda le parole, accompagnato dal suo fidato Ceri alle tastiere, riesce a regalare al suo pubblico un mini live da ricordare.

Fra il dramma e il sogno, Frah Quintale regala un live esemplare, con solo una tastiera, tanta voglia di spaccare, e di coinvolgere il suo pubblico. Si sente la voglia di tornare, e di calcare quei palchi che non aveva più toccato da un anno. Frah ci rivela che sta lavorando a un nuovo album, che non vede l’ora di farcelo sentire. Ma il suo compagno Ceri sottolinea che “è meglio andar con calma, ci stiamo lavorando”. Ma la voglia di spaccare del cantante è palpabile, come l’energia che aveva invaso il MAXXI. E quella voglia di ricominciar tutto da capo.

Per l’evento, Frah ha allestito la sua mostra dedicata al tour realizzato l’anno scorso, Regardez Moi – The Backstage Chronicles, un diario che ha segnato le tappe della sua avventura. Tra le foto anche l’edificio con su disegnato il graffito che ha dato il nome al suo album Regardez Moi.

Foto della mostra Regardez Moi - The Backstage Chronicles Ph by Andrea Segoni
Foto della mostra Regardez Moi – The Backstage Chronicles
Ph by Andrea Segoni
Foto della mostra Regardez Moi - The Backstage Chronicles Ph by Andrea Segoni
Foto della mostra Regardez Moi – The Backstage Chronicles
Ph by Andrea Segoni

© RIPRODUZIONE RISERVATA