Attualità
Trending

Il piano dell’Italia per ospitare i rifugiati ucraini

Al via al piano in Italia per ospitare i rifugiati ucraini. Si inizia con accordi con i Comuni, con la Chiesa, con i privati disposti ad accoglierli. Nel caso il numero degli sfollati in arrivo diventi eccessivamente elevato, si è già pensato alle prefetture, pronte ad allestire caserme, ostelli e alberghi per ospitare chi fugge dalla guerra.

Accoglienza dei rifugiati ucraini in tutta Italia

Luciana Lamorgese ha dichiarato che il Paese è pronto ad offrire solidarietà e rifugio al popolo ucraino.
Ogni regione si sta mobilitando per offrire aiuto e offerte di accoglienza si moltiplicano di ora in ora.
Le persone che arriveranno in Italia, nella maggior parte dei casi, raggiungeranno le case dei familiari che già vivono qui. Nel nostro Paese ci sono 248mila cittadini ucraini e circa 200mila sono donne, che lavorano e spediscono in patria lo stipendio. A raggiungerle saranno per la maggior parte anziani e bambini, dato che gli uomini sono rimasti in Ucraina a combattere.
Il ministero intende facilitare le procedure burocratiche per fornire permessi di soggiorno rapidi per i ricongiungimenti.

L’accoglienza coinvolgerà privati, parrocchie, onlus, ed enti del terzo settore. Molti sindaci si stanno già mobilitando per offrire rifugio ai futuri sfollati. Al momento la situazione rimane gestibile, ma il rischio è un’ondata di 7 milioni di profughi in Europa, se il conflitto dovesse protrarsi.
In caso di arrivi massicci, comunque, il Viminale attuerà la messa a disposizione di strutture di accoglienza che esistono da tempo, come il Sistema di accoglienza e integrazione dei richiedenti asilo, che prevede una rete di vitto, alloggio e sostegno. Alcuni rifugiati ucraini andranno nei Centri di prima accoglienza, o negli ex Sprar. Anche i circuiti sussidiari come Caritas forniranno aiuto.

Intanto sono iniziati gli arrivi dei primi sfollati, che hanno raggiunto l’Italia a bordo di bus, pulmini o auto. I primi gruppi di rifugiati ucraini sono arrivati al Nord Italia: centinaia di rifugiati sono già in Veneto, ed in Trentino sono arrivati diversi pullman nelle ultime ore. Le città di Venezia, Trieste, Brescia, Vicenza e Milano, insieme ai loro cittadini, li hanno accolti nelle ultime ore, ma molti altri bus sono attesi, qualcuno è in viaggio anche verso Roma.

Beatrice D’Uffizi

Twitter https://twitter.com/MMagazineItalia
Instagram : https://www.instagram.com/metropolitanmagazineit
Facebook: https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia/

Back to top button