A porte chiuse – Il FIA World Endurance Championship è pronto a correre a porte chiuse se questa dovesse essere l’unica possibilità per finire l’edizione 2019/2020 del campionato.

A porte chiuse, se serve lo faremo!

Gerard Neveu, CEO del WEC, ha affermato in un intervista che la possibilità che si debba correre a porte chiuse è concreta. L’intenzione di WEC è quella di finire il calendario che, dopo le tante modifiche e la cancellazione della tappa di Sebring, prevede ancora tre round.

Spa – Francorchamps, Le Mans e Bahrain sono le tre location che dovrebbero ospitare il Mondiale endurance dal 15 agosto, data della 6h di Spa al 14 novembre, giorno della 8h araba.

a porte chiuse
IL WEC potrebbe correre senza i tifosi – Photo Credit: FIA WEC.com

Gerard Neveu ha evidenziato che, in base alle norme in vigore nei paesi che dovranno ospitano il WEC e l’European Le Mans Series, verranno prese tutte le decisioni del caso. Nei giorni scorsi il WEC ha voluto rassicurare i tifosi, assicurando la volontà di correre la 6h di Spa nonostante il provvedimento restrittivo del governo belga. La pista che si snoda nelle Ardenne di Spa rischia di non ospitare il WEC e l’ELMS visto il divieto di svolgere grandi eventi fino al 31 di agosto.

Situazione diversa per la 24 Heures du Mans. Per classica francese, rimandata al week-end del 20 settembre, non ci sono novità visto che ACO, organizzatore dell’evento, non ha rilasciato nessun dettaglio.

SEGUICI SU :

INSTAGRAM: https://www.instagram.com/motors.mmi/
YOUTUBEhttps://www.youtube.com/channel/UCigTTOEc6pPf3YtJMj9ensw
SPOTIFYhttps://open.spotify.com/show/4r2r46o8ZTBOnjzPG7Hihw
FACEBOOKhttps://www.facebook.com/motors.mmi/
NEWS MOTORIhttps://metropolitanmagazine.it/category/motori-sport/

© RIPRODUZIONE RISERVATA