Gossip e Tv

Mattia, il figlio di Totò Schillaci: “Mio padre voleva aiutarci”

L’ex moglie di Totò Schillaci vive da sei mesi in un camper da quando è stata sfrattata dalla sua casa a causa di un debito. La donna, in collegamento da Palermo, ribadisce che non lascerà la roulotte fino a quando non riavrà la sua casa. 

“Io voglio la mia casa – dice – i miei figli devono venire qui con me a casa mia a mangiare con me, abbiamo bisogno dell’intimità della famiglia che non ce l’abbiamo più….Il debito non c’è e lo dimostrerò in tribunale”.

Mattia, uno dei due figli nati dal matrimonio con Totò Schillaci. “Io e mia sorella siamo cresciuti lì dentro, tutti i ricordi sono lì dentro – racconta il ragazzo – E’ da apprezzare una donna che è sola, esce le unghie, che lotta al cospetto di tutto e tutti. Io credo che neanche un uomo avrebbe il coraggio di fare quello che fa mia madre. Mia madre rispetta le leggi”.

Rita Bonaccorso, che anticipa che scriverà un libro sulla sua vicenda, racconta di essere stata male e di aver subito un furto quest’estate: “Ero fuori, mi ero allontanata perché non stavo bene, avevo capogiri e vomitavo in continuazione. Sono stata ricoverata in ospedale. Quando sono tornata, ho trovato il cancello aperto, le vetrate aperte, erano entrati i ladri”.

Nonostante il divorzio, nel 1996, Totò Schillaci e Rita si sono sempre aiutati reciprocamente. L’ex calciatore (che oggi è sposato con un’altra donna, ndr.) voleva pagare il debito, comprare la casa e tenerla per i suoi figli. Ma l’ex moglie non ha accettato perchè si professa innocente. Mattia Schillaci conferma.

Un calciatore che è impossibile non conoscere perché insieme ad altri ha segnato la storia del calcio italiano: dal Messina è approdato alla Juventus per poi passare all’Inter, ma il segno lo ha lasciato durante i Mondiali del 1990, durante la quale si è aggiudicato il titolo di capocannoniere. Stiamo parlando di Totò Schillaci, il calciatore che tra gli anni Ottanta e Novanta ci ha fatto letteralmente sognare. Classe 1964, Salvatore Schillaci (Totò all’anagrafe) è nato a Palermo il 1° dicembre sotto il segno zodiacale del Sagittario e nella vita si è sempre dedicato al calcio, la sua più grande passione. All’età di 25 anni è arrivato alla Juventus, società in cui è rimasto solo per tre anni. Le successive stagioni, poi, le ha giocate nell’Inter e in una squadra giapponese, la Jubilo Iwata.

Dal 1987 al 1995 Totò Schillaci è stato sposato con Rita Bonaccorso, una parrucchiera ed estetista siciliana che ha incontrato quando giocava nel Messina. Rita e Totò Schillaci hanno avuto due figli, Mattia e Jessica: dopo la separazione, la parrucchiera è stata più volte invitata nel salotto di Barbara D’Urso per raccontare la truffa di cui è rimasta vittima e a causa della quale si è anche trovata a vivere in una roulotte.

In base ad un’intervista rilasciata nel 2018 alla Gazzetta dello Sport, Rita ha raccontato che il matrimonio sarebbe finito dopo poco perché Totò l’avrebbe tradita più volte, e lo stesso calciatore avrebbe confermato le voci, soprattutto anni dopo la separazione.

In seguito a questa relazione, Totò Schillaci è stato legato prima a Prisca, una donna conosciuta a Chiasso da cui ha avuto una figlia (Nicole) e poi alla showgirl e modella Simona Mattioli che, secondo quanto rivelato da Palermo Today, avrebbe chiesto un risarcimento danni all’ex compagno di 10 milioni di euro perché la loro relazione avrebbe compromesso la sua carriera nel mondo dello spettacolo.

Back to top button