Viviamo in un’epoca dove è quasi tutto digitalizzato, soprattutto nelle realtà aziendali che elaborano ogni giorno ingenti quantità di dati: clienti, spese, fornitori, contratti e molto altro. Fino a qualche anno fa, era cosa comune trovare la fila alle stampanti per le fotocopie; il cartaceo era elemento fondamentale, testimonianza tangibile di tutte le operazioni effettuate e registrate. E’ anche vero che c’era un consumo di carta non indifferente. Qui, il digitale ha dato un contributo rivoluzionario, riuscendo a fornire database e raccolta di dati digitale. La comodità sta nel fatto non solo di ridurre i tempi di ricerca, ma anche quella di utilizzare software e sistemi che permettono di salvare e conservare nel tempo tutti i dati e ritrovarli con pochi e semplici click.

Tuttavia, nonostante la comodità che è stata in grado di fornirci la tecnologia, non sempre è vero che il cartaceo sia in disuso; la stampa è, e rimane, un elemento indispensabile e infatti, il settore si è evoluto di pari passo alla controparte digitale. Oggi, l’editing ha una marcia in più rispetto al passato – non solo a livello di inchiostro e colori. Sul mercato, esistono modelli sempre più avanzati, in grado di utilizzare programmi e strumenti online per ottenere risultati di grafica ottimizzati e performanti. Il connubio online/offline ha permesso anche di ridurre i tempi di stampa, collegare direttamente il proprio dispositivo alla stampante e riprodurre i documenti con un risultato sempre più verosimile.

Dal punto di vista industriale, una ricerca di IT Strategies (per conto di InPrint) ha sottolineato come il bienno 2018/2019 abbia segnato un momento decisamente positivo per il mercato del getto d’inchiostro, soprattutto per quello che riguarda l’uso a livello aziendale.

Questi risultati anticipano una crescita accelerata per le tecnologie di stampa industriale e di conseguenza anche per i fornitori del prodotto primario; non è un caso che il costo noleggio stampanti sia in calo vertiginoso rispetto a qualche anno fa.

Insomma, la classica stampante, affiancata al mondo digitale, non sembra affatto in difficoltà. Anzi, diventa un’arma della comunicazione tradizionale; molti siti web permettono di utilizzare programmi specifici di design e grafica per creare e produrre contenuti direttamente online e poi stamparli.

Oggi puoi collegare la stampante digitale al tuo dispositivo, sia un portatile o un tablet o anche il tuo smartphone, selezionare gli elementi che ti servono e far partire la stampa in offline. Tempi ridotti ed efficienza garantita.

Il tempo delle stampanti, dunque, non è ancora finito… Molte agenzie ma anche e-commerce si affidano ai servizi online per creare contenuti grafici e utilizzano le stampanti per dar vita a gadget personalizzati, alimentando di fatti frangenti e settori che solo apparentemente, non hanno nulla da spartire con il mondo dell’inchiostro.