Internet è sicuramente una delle piazze più importanti nel settore dell’informatica e della tecnologia. Tuttavia, è sempre più difficile immaginare l’assenza di una qualsiasi tipologia di impresa sul web. Come un iceberg, il digitale nasconde molte opportunità sotto la superficie del mare e tra i vari aspetti di vantaggio, c’è anche la criptovaluta. Altro non è che una moneta – o valuta – appunto criptata, con la quale avvengono movimenti finanziari in via del tutto “virtuale”. Ha lo stesso valore di una moneta che proprio perché è protetta dalla criptografia, non è gestita da nessuna autorità centrale.

Di criptovalute ce ne sono molte; basti pensare ai bitcoin utilizzati nel trading o nei siti di forex, ma anche Ripple o Ethereum tra le principali. Oggigiorno, sia aziende che privati si affidano a piattaforme specifiche e specializzate nell’utilizzo di criptovalute per far incrementare i guadagni del proprio business. Il mondo della criptovaluta è un mondo vasto; ciononostante, anche chi si affaccia per la prima volta in questo genere di attività, può migliorare esponenzialmente il proprio business in modo semplice e sicuro; mentre per i più esperti, scegliere la piattaforma che più soddisfa le proprie necessità e acquistare ulteriori criptovalute, è alla base del proprio lavoro.

bitcoin

Ma entrando nel vivo della questione, quali sono in pratica i vantaggi di affacciarsi all’utilizzo delle criptovalute? Ecco 5 esempi da tenere conto qualora si decidesse di utilizzare questi sistemi.

  • Hodling

E’ il metodo – anche se è più corretto chiamarlo strategia – più semplice per chi, per la prima volta, si ritrova a utilizzare le valute criptate senza averne acquisito appieno il significato e il loro valore. Si tratta di acquistare e mantenere una criptovaluta, senza venderla e che evita (per coloro che ancora non hanno dimestichezza con questo settore) il trading online.

  • MasterNode

E’ un altro metodo per guadagnare con le criptovalute che richiede però un briciolo di attenzione in più rispetto all’hodling. Si tratta di utilizzare dei server che consentono di facilitare le transazioni; ogni masternode presenta una blockchain, un registro digitale organizzato in blocchi; essendo immutabile, essa rappresenta una garanzia in termini di sicurezza e trasparenza ed è il sistema più utilizzato da banche e pubbliche amministrazioni.

  • Mining di criptovalute

Chiamato anche Proof of Work, si tratta di creare una nuova lista, o un nuovo blocco come nel caso della blockchain, dove registrare tutte le nuove transazioni. Il lavoro nel mining è quello di collaborare con altri colleghi per la risoluzione di un problema matematico basato su un algoritmo cryptografico hash. Con la soluzione si raggiunge appunto il Proof of Work e quindi la conferma delle transazioni contenute nel blocco. Questo è l’obiettivo finale che porta poi alla ricompensa ottenuta in bitcoin, principale criptovaluta.

  • Trading

Se ne sente parlare spesso, sembra anche facile ma in realtà richiede tempo, studio e dedizione. Non a caso offrono consulenze con specialisti nel settore, ma allo stesso tempo permette di guadagnare tanto investendo davvero poco. E’ fondamentale registrarsi a una piattaforma di trading online, come eToro; avrete a disposizione un vostro conto personale, simile a quello bancario ma dedicato alle criptovalute, su cui appunto accumulare i vostri guadagni.

Il metodo Exchange: è un ulteriore metodo per investire e aumentare i guadagni del proprio business. Sono delle piattaforme dove poter acquistare o vendere le criptovalute o anche scambiare, come avviene per il peer-to-peer, ma qui la moneta è rappresentata da quella virtuale, quale la Kraken, Bitcoin ed Ethereum. Tra le principali piattaforme di scambio di criptovaluta abbiamo Coinbase e Bitvavo, che sono alcune delle più grandi realtà con il maggior volume di scambi al mondo. L’unica nota dolente è che a volte si incappa in truffe, per cui recuperare il denaro è quasi impossibile; da qui, il consiglio di fare attenzione durante le trattativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA