Motorland: l’approfondimento sul mondo dei motori di Metropolitan

Il gran finale si avvicina: domenica si eleggerà il nuovo campione del mondo di MotoGP sul circuito di Valencia. Ma nel frattempo si è concluso il campionato del mondo di Superbike, con il solito Rea ancora vincitore. Semafori spenti: parte Motorland!

SBK

Anche nel deserto del Qatar a dominare è uno scatenato Jonathan Rea. Il cannibale vince entrambe le gare con una certa scioltezza e raggiunge nella classifica di tutti i tempi un certo Troy Bayliss in quanto numero di vittorie.

“Ho raggiunto Bayliss? Lui è un mito di questo sport, ma io oggi volevo solo battere Davies.” Le dichiarazioni del nordirlandese sono pacate e sincere.

Nell’ultimo round del 2017 Chaz Davies ha provato come al solito a combattere contro Rea: il suo weekend si conclude con la conquista del secondo posto in campionato (grazie anche alla caduta di Sykes in gara 2) e l’amaro in bocca per la vittoria svanita nella seconda manche a causa di una violenta sbacchettata che la sua Ducati ha avuto.

Il suo compagno di team Melandri invece ha vissuto un venerdì più positivo, salendo sul terzo gradino del podio, mentre il sabato ha dovuto fare i conti con i soliti problemi che lo affliggono da tutta la stagione: il suo peso ridotto produce molti ondeggiamenti sulla moto rendendo difficoltosa la guida.

Motorland
Chaz Davies chiude il campionato al secondo posto.

Grande la prestazione delle Yamaha, sempre più a ridosso del podio. In gara due Lowes cancella un venerdì pessimo (con due cadute) centrando il terzo posto che gli consente di chiudere in quinta posizione nel mondiale davanti al compagno di team Van Der Mark.

Tanto amaro in bocca invece per Savadori, quinto venerdì ma abbandonato in gara 2 nuovamente dalla sua Aprilia mentre conduceva una buona prestazione. Anche per Fores bicchiere mezzo vuoto, costretto a ritirarsi per problemi tecnici il venerdì quando era in lotta per la top 5, mentre il sabato chiude quinto.

Con questa prova si chiude il campionato 2017: la superbike tornerà con i test invernali, mentre il campionato ripartirà a febbraio 2018 in Austrialia.

Supersport

L’ultima gara metteva in palio il titolo, e la questione non era così scontata. La battaglia tra Sofuoglu e Mahias si è così protratta fino all’ultima gara in Qatar, dove il francese ha saputo vincere la gara e automaticamente anche il campionato. Per il francese è il primo centro internazionale, festeggiato con tanta allegria e sportività anche con il rivale Sofuoglu.

Il pilota turco dopo l’infortunio di Magny-Cours (frattura all’anca) è riuscito ad ottenere il fatidico fit to race dai medici per poter salire sulla sua Kawasaki nel tentativo di difendere il titolo. Kenan ha chiuso in terza posizione il gran premio dopo una serie di battaglie incredibili con Caricasulo e West.

Motorland
Sofuoglu è stato sempre protagonista, ma il campione di questo 2017 è Mahias.

Kenan al parco chiuso è stato accolto come un vero campione non solo dal suo team, che durante gli ultimi minuti di gara si è fatto scappare qualche lacrima. Alla fine l’abbraccio tra i due ci regala una delle scene più belle degli ultimi anni.

MotoGP

Concludiamo motorland di questa settimana con l’attesissimo appuntamento di questa domenica, ovvero il gran premio di Valencia che ci consegnerà il nuovo campione del mondo. La battaglia è tutta tra Marc Marquez, primo in classifica, e il nostro Andrea Dovizioso, staccato di 21 punti.

Motorland
Anche Jorge Lorenzo è in netta ascesa con la sua Ducati.

Quel che serve è un vero miracolo per il Dovi, ma c’è la convinzione di essere tornati competitivi. La stagione di Andrea e Ducati è ampiamente positiva e in ottica 2018 le aspettative non possono che essere in ascesa. Marc, forte del suo vantaggio, si dovrà limitare a gestire la sua Honda. Ma si sa, nel motorsport l’imprevisto è sempre dietro l’angolo.

Qualunque sarà l’esito, ci sarà da fare un grandissimo applauso a tutti coloro che hanno reso unica questa stagione di MotoGP.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA