Motorzone: Onnipotente Ford GT

La Ford GT ha intrapreso una battaglia vincente contro i colossi  europei delle competizioni in pista, quali Ferrari, Lamborghini e Porsche. Ma la versione stradale sarà all’altezza della gemella da corsa?

Come primo argomento della nuova rubrica Motorzone ho scelto di parlarvi di un auto che nell’ultimo periodo mi ha affascinato molto. Come avrete notato dal titolo e dall’anteprima mi riferisco alla neonata americana, la Ford GT.

Ora, sarebbe troppo facile per me, presentare questo gioiellino del nuovo mondo, da circa 400.000 euro con una lunga serie di riferimenti al passato. Alla fine tutti sappiamo il motivo che ha spinto Henry Ford alla creazione della Ford GT. In breve, Ford cerca di acquistare una Ferrari per correre a Le Mans negli anni ’60. Enzo rifiuta “cortesemente” e allora Henry, decide di costruire la personale interpretazione di una Ferrari tutta americana per correre alla 24h. Il risultato finale viene chiamato Ford GT 40 e con quella umilia la Ferrari, dopo un pò di anni dal suo debutto, ma alla fine riuscì ad ottenere la sua vittoria; ma questa è un’altra storia.

Comunque sia, ora non c’è una storia bella ed intrigante quanto la precedente, sulla nuova Ford GT, che da poco è venuta alla luce. Inizialmente la Ford non era convinta di costruire una nuova GT, che al contrario voleva tornare a Le Mans con la Mustang, in modo da poter commercializzarla poi, a livello mondiale.
Per più di un anno Ford ha cercato di creare la Mustang perfetta in grado di poter rivaleggiare con le 911, le Corvette e le Ferrari a Le Mans, ma allo stesso tempo ha anche cercato di costruire un auto in versione stradale che sfociasse nel progetto Le Mans e celebrare il 50° anniversario della sua vittoria sul circuito francese.
Dopo svariati tentativi, la Ford raggiunse la magra e amara consapevolezza che, creare una Mustang in grado di accontentare ottime prestazioni in pista e in strada, agevolando anche il marketing, non era altro che un mero miraggio. Entra così in gioco il Project Silver, un progetto ambizioso per costruire una GT completamente nuova e farla correre nelle gare endurance e, parallelamente, sviluppare una versione stradale. Così, nel 2013, nasce l’idea di una nuova Ford GT.

Alcuni critici però, non hanno apprezzato il risultato di quest’idea, accusando la GT di non essere competitiva con rivali come la McLaren 720S, specialmente il prezzo della Ford ben più elevato rispetto a quello della Mc Laren. Forse, l’unico modo per rendere giustizia a quest’auto è ricordare alcune sue caratteristiche. La nuova GT monta un motore V6 biturbo da 3.5 litri con 655cv di potenza, con peso vuoto pari a 1.395 kg. Ha un cambio a doppia frizioni a sette rapporti con paddles al volante. Scocca e carrozzeria sono in fibra di carbonio, e la sua velocità massima di 347 km/h viene fermata da dei potentissimi freni carboceramici. Riguardo le modalità di guida, quante sono? Cinque, per soddisfare tutte le richieste di set up della vettura e accontentare chiunque la stia guidando.

Abbiamo notato quindi che, a differenza di auto europee della stessa categoria, la nuova Ford GT non risponde benissimo al rapporto qualità prezzo. Quindi, perchè la Casa dell’Ovale Blu ha deciso di investire così tanto su un’auto del genere, quando ci sono altre auto più economiche in grado di essere potenziate per le gare endurance? La risposta pura e semplice è la seguente – secondo me –  è: creare un brand. Lo scopo della versione da corsa è senza dubbio quello di vincere a Le Mans e nel World Endurance Championship, obiettivo pienamente centrato da Ford. Ma, per quanto riguarda la versione stradale, il suo ruolo è quello di far crescere il brand “performances” di Ford, mostrando a tutto il mondo i nuovi e svariati tipi di tecnologie che, saranno applicate ad altre vetture sportive della casa americana. Compreso, anche l’utilizzo più diffuso della fibra di carbonio e lo sviluppo della tecnologia EcoBoost.

 Esteticamente, la nuova Ford GT appare perfetta vista da ogni angolo, e non sfigurerebbe di certo al fianco di una LaFerrari. La bellezza unica di quest’auto è che deriva direttamente da una vettura creata inizialmente per le gare. Questa caratteristica la rende un’auto pura e sportiva, che pur essendo stradale, ha l’animo di un’autentica auto da corsa.
Purtroppo però su strada ha qualche difettuccio. In pista, ad esempio, quando si gira al massimo i rumori e le vibrazioni che raggiungono l’abitacolo non rappresentano un problema, semplicemente non ci si fa caso visto che si è concentrati nel mantenere un’andatura elevata. Ma su strada, le cose cambiano e i rumori diventano abbastanza irritanti e persistenti, quasi come se si avesse un trapano dentro la testa. Verso i 120 km/h il rumore all’interno dell’abitacolo diventa assordante, e la discussione diventa quasi impossibile, neanche fossimo nel pieno di un concerto dei Metallica!
A conti fatti, la Ford GT è un’auto epica da guidare in pista, poichè sostanzialmente è un’auto da corsa. Nessun dubbio su questo. Ma su strada è così e così, insomma si poteva fare sicuramente di meglio, anche perchè, pur essendo la copia americana di una Ferrari, in quanto a comfort non ci si avvicina molto e, in quanto al rapporto qualità prezzo, Ford poteva lavorarci ancora un pò su. Per il resto è un’ auto che sa farsi
amare, se presa con le giuste mani!

Ford GT
Motore: 
V6 biturbo
Potenza: 655 cv, 6250 giri
Freni: dischi carboceramici, ABS, EBD
Sospensioni: 
doppi bracci oscillanti, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici adattivi
Velocità Max: 348 km/h
Prezzo da 400.000 euro
Motorzone Rating: M M M M 


CHIACCHIERE DA STRADA

Passiamo ora all’angolo “chiacchiere da strada” e analizziamo un pò di dati bizzarri che riguardano il mondo delle auto.
Ad una settimana dal lancio del nuovo film Marvel: “Spiderman Homecoming”, pare proprio che il nostro simpatico Uomo Ragno di quartiere, sia arrivato alla Prima del film, a bordo della nuova Audi A8 che debutterà il prossimo 11 Luglio a Barcellona.

Sulla passerella del film è presente anche Robert Downey Jr. nei panni di Tony Stark.
Robert è famoso per avere una fantastica collezione auto. Nel suo parco auto possiamo trovare auto quali  una Porsche, una Corvette e una Ford F150, una Bentley, una Volvo Voody e ancora una Mercedez-Benz Pagoda del 1970 e ancora una Boss 302 Mustang del 1970. Anche il personaggio che interpreta – Tony Stark – vanta di avere un eccezionale parco auto, ma Robert afferma, scherzando, che la maggior parte delle auto le ha acquistate prima di Iron Man. Dobbiamo crederci?!

Per questa settimana Motorzone finisce qui e vi do appuntamento alla prossima settimana. Parleremo di una tedesca, quale?! Non resta che scoprirlo. Ciao!

Raffaello Caruso

© RIPRODUZIONE RISERVATA