Motorzone: Lamborghini Terzo Millennio – un passo in avanti verso il futuro

E’ giovedì sera, le giornate diventano più brevi, l’inverno è ormai arrivato quindi, sedetevi e mettetevi comodi leggendo questo nuovo appuntamento di Motorzone! Oggi parleremo di un argomento fuori dagli schemi!

Lamborghini, la casa del Toro da sempre ci ha abituato a vetture da sogno e sempre all’avanguardia, ed ora è pronta a stupirci, nuovamente, con il nuovo modello: Lamborghini Terzo Millennio.
La Lamborghini Terzo Millennio anticipa le tecnologie sulle quali si baseranno le prossime generazioni di sportive. Per fare un salto verso il futuro la Lamborghini ha deciso di avvalersi di una collaborazione d’eccezione, lavorando con due laboratori del Massachussetts Institute of Technology per creare un’auto fuori dagli schemi con tecnologie inedite e caratteristiche visionarie.

Batterie? No grazie, è tempo di dare spazio ai supercondensatori. I tradizionali sistemi di stoccaggio dell’energia hanno diversi limiti (come se i precedenti modelli non fossero già abbastanza potenti), così la Lamborghini e il MIT hanno iniziato a sviluppare supercondensatori destinati all’impiego automobilistico. L’obiettivo di questi studi è quello di creare un sistema con un’elevata potenza di picco capace di recuperare l’energia cinetica senza influire in maniera eccessiva sulla durata del sistema. Non si tratta, tuttavia, di una novità assoluta: già da 5 anni la Aventador  modello di punta della casa del Toro –  utilizza dei supercondensatori a bassa tensione, un sistema in continua evoluzione che presto porterà il Toro a sviluppare nuove soluzioni di immagazzinamento dell’energia.

La scocca si ripara da sola. No, non siamo in un film di fantascienza, è tutto vero! Un’ulteriore evoluzione del progetto di immagazzinamento dell’energia nella scocca riguarda l’autodiagnosi della struttura di fibra di carbonio: un sistema elettronico di monitoraggio può analizzare le condizioni del telaio e della carrozzeria rilevando eventuali danni o crepe nella struttura. Una volta rilevato un problema il sistema può avviare un processo di autoriparazione, inviando dei composti chimici all’interno dei microcanali integrati per colmare le fratture evitando danni ulteriori alla struttura.

La Terzo Millennio non presenterà un motore termico, ma adotterà non uno ma ben quattro motori elettrici, che saranno inseriti all’interno delle ruote, dando vita ad un sistema di trazione integrale evoluto con coppia estremamente elevata. L’utilizzo di motori separati ha permesso al Centro Stile Lamborghini di creare forme più libere e aerodinamiche, consentendo ai designer di concentrarsi sul perfezionamento dei flussi aerodinamici. Nell’abitacolo è inoltre presente un cockpit virtuale pensato per consigliare le traiettorie nella guida in pista, permettendo al pilota di confrontare le proprie prestazioni con quelle di una ghost car virtuale.

Terzo Millennio è solo un progetto, un progetto che date le caratteristiche, guarda al futuro non poi così lontano. Tale progetto, si pone come obiettivo principale lo sviluppo di nuove tecnologie concrete che nei prossimi anni potranno essere impiegate sulle vetture di produzione. L’utilizzo di materiali innovativi e di inediti sistemi di immagazzinamento dell’energia è solo un aspetto sul quale si sono concentrati i ricercatori americani: il progetto non ha infatti messo da parte fattori fondamentali per un’hypercar come il sistema propulsivo, il design e, soprattutto l’emozione di guida. Alcune di queste tecnologie, dunque, potrebbero presto approdare all’interno del listino del Toro, forse già dalla prossima generazione di supersportive.

La Terzo Millennio si prospetta un’auto di certo all’avanguardia, che utilizzerà tecnologie mai adottate prima. Il tema del “futuro” è un tema che ha sempre affascinato la Casa del Toro, che con tutti i suoi modelli ci ha regalato grandi passi avanti. Ma, tutta la tecnologia che verrà adottata nella Terzo Millennio, ci farà arrivare a sperare di vivere in quei mondi futuristici che tanto si vedono nei film e che vanno di moda in questo periodo. Quel futuro non è poi così lontano, questo è il messaggio che Lamborghini vuole lanciarci.

Raffaello Caruso

© RIPRODUZIONE RISERVATA