Muore Alberto La volpe, giornalista e politico italiano

Alberto La Volpe, giornalista e politico italiano, muore ieri 16 Maggio 2017, a rendere nota la notizia è lo stesso tg2.

La Volpe è stato un giornalista alla Rai dal 1979, conosciuto principalmente grazie alla sua attività di direttore della testata del tg2 dall’ 87 al ’93, cofondatore e vicedirettore del Tg3. Fu uno dei conduttori di Speciale Tg1 , fino all’87, (prima di diventare direttore del tg2). Diresse inoltre L’Avanti : quotidiano storico del partito socialista italiano, partito per cui viene eletto alla Camera nel 1994. Tra i suoi incarichi parlamentari possiamo ricordare quello di sottosegretario dei Beni Culturali nel primo governo Prodi e degli Interni nel primo governo D’Alema.

Nato il 9 Ottobre 1933 a Napoli, viveva da Tempo a Roma, dove fu inoltre, il presidente dell’associazione Italo-Palestina. Tra i suoi incarichi spicca anche quello di sindaco di Bastia in Umbra (Perugia).

Fu  componente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul terrorismo in italia e, insieme a Giovanni Falcone, forma “lezioni di mafia” un progetto di educazione alla legalità, dedicato in particolare alle generazioni più giovani per spiegare le modalità di azione dell’organizzazione criminale: Cosa Nostra. Queste vicende criminali sono state raccontate in una serie di 10 puntate trasmesse dalla Rai.

La Volpe pubblica diverse opere tra cui:

  • “L’inchiesta”
  • “Diario segreto di Nemer Hammad ambasciatore di Arafat in Italia”
  • “Per non morire di mafia”

Su facebook, Riccardo Nencini, vice ministro ai Trasporti e segretario del Psi lo saluta così: “Un abbraccio forte ad Alberto La Volpe. È stato sempre con noi. Tra i migliori”;

Bobo Craxi lo ricorda così: “Un saluto ad Alberto La Volpe. Giornalista di vaglia, Socialista da sempre”.

Un uomo dalle mille risorse, come è stato definito più volte, in grado di occuparsi di diverse mansioni, spesso contemporaneamente. Sarebbe quindi riduttivo definire La Volpe una persona affidabile che amava il proprio lavoro, in grado non solo di riuscire nei propri intenti, ma anche di ispirare ed istruire.