CalcioSport

Nazionali archiviate: si torna con il campionato

Si accende di nuovo il campionato con la 13ª giornata: sabato la Roma va ad Udine, CR7 sfida la Spal e l’Inter ospita il Frosinone. Domenica di fuoco con il lunch match emiliano tra Parma e Sassuolo. Alle 15 Napoli-Chievo, in serata le sfide più calde: alle 18 Lazio-Milan e derby della Lanterna in notturna. Chiude Cagliari-Torino nel monday night.

UDINESE-ROMA(sabato, ore 15): Misero bottino per i bianconeri nelle ultime gare contro la Roma, cinque sconfitte su cinque e una sola rete realizzata. I friulani sono a secco di vittorie addirittura dalla quinta giornata ( Chievo-Udinese 0-2), successivamente sono arrivate solo sconfitte, intervallate dal pareggio contro il Genoa. Momento disastroso, culminato con l’esonero di Velàzquez e la chiamata di Davide Nicola. De Paul e Lasagna ( reduce, peraltro, dalla Nazionale) proveranno a guidare la squadra ad un difficile successo.

Buon momento, invece, in casa Roma. Con 5 risultati utili consecutivi ( 3 vittorie e due pareggi), i giallorossi di Di Francesco si sono decisamente risollevati. Considerano il pessimo momento realizzativo di Dzeko e i due impegni prestigiosi contro Real e Inter, il tecnico abruzzese lancerà Schick dal primo minuto. Indisponibili Manolas e capitan De Rossi, giocheranno Juan Jesus e Cristante.

JUVENTUS-SPAL( ore 18): Bianconeri in cerca di vittorie per proteggere il primato. Spal avversario insidioso e ben organizzato da battere per continuare un cammino fin qui praticamente perfetto. Con i già infortunati Bernardeschi e Can, si è unito, per l’ennesima volta, Khedira, nuovamente indisponibile.  Ronaldo e Mandzukic a trascinare l’attacco. Tra i pali ci sarà Perin.

Semplici proverà l’impresa contro la capolista, dopo il pareggio contro il Cagliari. Con un +4 tutt’altro che rassicurante sulla zona salvezza, gli emiliani hanno bisogno di punti importanti, ma hanno già dimostrato di poter fare vittime illustri ( vedi la vittoria all’Olimpico contro la Roma). Il ritrovato Kurtic e Lazzari proveranno a portare al gol la coppia Antenucci-Petagna

(PHOTO CREDITS:ItaSportPress) Ronaldo, escluso dai primi 3 per il Pallone d’Oro.

INTER-FROSINONE: Nerazzurri chiamati al riscatto dopo il poker incassato dall’Atalanta prima della sosta, ottimi e incoraggianti precedenti contro i ciociari. Attenzione però allo scarso feeling contro le neo-promosse ( sconfitta con il Parma quest’anno ), Spalletti potrebbe rilanciare dal primo minuto sia Borja Valero che Joao Mario. Con Vrsaljko nuovamente fuori dai giochi, fiducia a D’Ambrosio. Gara importantissima da vincere per preparare il trio di partite esterne  contro Tottenham, Roma e Juventus.

Ciociari con una sola vittoria in questo campionato, ma imbattuti da 4 partite consecutivi ( mai accaduto in massima serie). Longo, dopo un difficile avvio, sta trovando la dimensione migliore per il suo Frosinone. Ciofani-Campbell coppia d’attacco, con Hallfredsson indisponibile sarà Chibsah il perno di centrocampo.

PARMA-SASSUOLO ( domenica, ore 12,30): A pranzo le due grandi sorprese di questo campionato: il Parma di D’Aversa sta stupendo tutta la serie A ed è tornato a vincere prima della sosta contro il Torino. L’incontro promette grande spettacolo e tanti gol, almeno dalle statistiche (media di 3.3 reti segnate negli ultimi match). Con l’indiscusso duo offensivo Gervinho-Inglese, completerà l’attacco Biabiany. Bastoni confermatissimo in difesa, torna Stulac a centrocampo.

I neroverdi di De Zerbi sono la vera rivelazione di questo campionato, con 19 punti totali condividono il sesto posto con la Roma. Il giovane tecnico ripropone, come consueto, il suo offensivo 3-4-3, con Boateng che vorrà ritrovare il gol, ci sono Di Francesco e Berardi. Duncan e Magnanelli probabili a centrocampo.

(PHOTO CREDITS: Boateng, scommessa, fin qui vinta, dal Sassuolo.

BOLOGNA-FIORENTINA( domenica, ore 15): Brutto feeling dei bolognesi contro la Viola, da febbraio 2013 gli emiliani non vincono contro la Fiorentina ( 7 vittorie della squadra toscana e un pareggio). Senza indisponibili, Inzaghi chiamato a fare punti salvezza. Mbaye e Svanberg confermatissimi, mentre il bomber Santander dovrebbe essere affiancato dall’esperto Palacio.

Viola reduci da quattro pareggi consecutivi per 1-1 e vogliosi di tornare a una vittoria che manca, ormai, da 5 partite. Pioli spera di ritrovare i gol di Chiesa e soprattutto Simeone. Mirallas potrebbe spuntarla su Pjaca nel tridente, mentre Benassi alla sua migliore stagione realizzativa trascinerà il centrocampo. Senza Pezzella infortunato, spazio a Ceccherini in difesa.

NAPOLI-CHIEVO ( domenica, ore 15 ): Precedenti particolarmente positivi per i partenopei contro il Chievo, nelle ultime 10 una sola sconfitta ( nel 2014), 2 pareggi e 7 vittorie. Solito turnover per Ancelotti, in vista della Champions e 4-4-2. Con Chiriches, Younes e Verdi indisponibili e Meret ancora non recuperato, tra i pali ci sarà Ospina. Malcuit probabile titolare a far rifiatare Mario Rui, probabile chance per Rog, mentre Fabian Ruiz dovrebbe essere confermato. Solito ballottaggio invece tra Mertens e Milik per il posto in attacco.

Dopo aver azzerato la penalizzazione e archiviato la disastrosa esperienza con Ventura, il Chievo riparte dal ritorno di Di Carlo per tentare un’epica salvezza. Difficile capire quale potrebbe essere la formazione del nuovo tecnico, considerando i numerosi indisponibili. Poche le certezze e un probabile 4-3-1-2 con Birsa sulla trequarti. Attenzione a Stepinski, ha un buon feeling con le grandi.

EMPOLI-ATALANTA (ore 15):  Toscani reduci da una vittoria dopo il cambio in panchina e l’arrivo di Iachini. Precedenti nettamente favorevoli ai bergamaschi, necessario, dunque, invertire la rotta per allontanarsi dalla zona rossa della classifica. Nel complesso pochi cambi rispetto ad Andreazzoli: con Zajc e Krunic a dare qualità dietro a Caputo.

Bergamaschi reduci da 4 vittorie consecutive e rinascita (dopo il brutto inizio) pienamente avvenuta, Gasperini vuole continuare il momento estremamente positivo. Per questo, tutti i migliori in campo e probabile ritorno di Masiello come titolare nei tre di difesa.

LAZIO-MILAN (ore 18): Media altissima di reti segnate in quest’ incontro ( 3.7), prepariamoci dunque alla saga del gol. Un solo punto distanzia le due squadre, rispettivamente quarta e quinta in classifica. Match assolutamente da non perdere: Inzaghi schiererà la sua migliore formazione, unico assente Leiva, rilevato da Badelj a centrocampo.

Rossoneri con l’infermeria piena e gli occhi già puntati sul prossimo mercato: Gattuso ha un solo obiettivo, tuttavia: vincere. Con Bonaventura out per tutta la stagione e una difesa priva anche di Romagnoli e Musacchio, formazione arrangiata con Abate e Rodriguez ad accompagnare Zapata. Unici segnali positivi: i recuperi di Calabria e Calhanoglu, attacco affidato a Cutrone per sostituire lo squalificato Higuain.

 

(PHOTO CREDITS: SuperNews-Superscommesse) Bonaventura, stagione finita per lui.

GENOA-SAMPDORIA( domenica, ore 20,30): Chiude il derby di Genova la domenica di Serie A. Miseri precedenti per il Grifone con 2 pareggi e 6 sconfitte e 1 sola vittoria negli ultimi derby. Necessario vincere e risollevarsi, dato che la panchina di Juric già scotta. Criscito ritrova l’adrenalina di una stracittadina, mentre il giovane Kouamè proverà a far tornare Piatek al gol.

Blucerchiati in crisi, con 3 sconfitte e più di 3 gol presi a partita nelle ultime gare. Giampaolo ha perso le sue certezze difensive, Tonelli proverà a ridare convinzioni al reparto. Con Linetty squalificato, probabile titolare Jankto. Torna, invece, Quagliarella nel duo offensivo con Defrel.

(PHOTO CREDITS:PianetaGenoa) Criscito, ritrova l’emozione del derby.

CAGLIARI-TORINO( lunedì, ore 20,30): Negli ultimi incontri, sei vittorie granata e un pareggio. Bilancio da riscattare per gli uomini di Maran, dopo il pareggio contro la Spal, i sardi vogliono vincere e migliorare la classifica già soddisfacente. Intoccabile il duo Joao Pedro-Pavoletti, mentre Barella, confermatissimo in Nazionale, vuole essere decisivo.

Granata reduci da una brutta sconfitta interna contro il Parma. Mazzarri deve trovare continuità se vuole inseguire il sogno europeo. Baselli, in forma, comporrà il duo di centrocampo con Meitè nel 3-4-1-2 dei granata. Iago Falquè-Belotti ancora in attacco, attenzione però a Zaza che con 3 gol in 4 partite ha nel Cagliari la sua vittima preferita.

FRANCESCO MANCINI 

Back to top button