Gossip e Tv

Ornella Vanoni innamorata di Hugo Pratt: “Non abbiamo mai fatto l’amore”

Ornella Vanoni ha dichiarato di non essere mai finita a letto con Hugo Pratt, i due non hanno mai fatto l’amore, alla donna interessava solo il suo modo di essere.

Voleva entrare “nella sua testa” per restarci a vita, i due si sentivano ogni giorno, ma non hanno fatto in tempo a diventare amanti. Ornella dichiara che se gli fosse stata più vicino, forse avrebbe avuto modo di finire a letto con lui

Continua a pensare che e fosse rimasta al suo fianco, forse avrebbe passato degli anni sereni e belli, comodamente rilassata nella testa di Hugo Pratt. La signora della musica italiana, scrisse anche un libro di memorie dedicato all’amore ormai perduto tra lei e il fumettista Hugo Pratt.

Ornella Vanoni innamorata platonicamente di Hugo Pratt

Un inno all’amore, a quell’amore che vola in una dimensione superiore, quella dimensione che solo chi ha la malinconia e l’avventura negli occhi e soprattutto un’intelligenza fine può vivere con leggerezza, quell’amore che ognuno di noi cerca o forse spera, Ornella sottolineava: “non sapevi mai dov’era il confine tra verità e finzione”.

La canzone di Ornella Vanoni “Sogni” è stata dedicata proprio all’amore platonico che c’era tra loro due. Infatti il brano comincia proprio con un dipinto che Ornella è riuscita ad esprimere a parole sue.

Ornella Vanoni innamorata di Hugo Pratt: “Non abbiamo mai fatto l’amore”

In Corto Maltese, il fumettista veneziano ha descritto il marinaio gentiluomo a parlare con l’oggetto celeste. Quell’oggetto si pensa che sia proprio la Luna alla quale Ornella si riferisce.

“Per favore mi disegni una luna? Mi hai fatto Venezia, una gondola, la luna. Romanticamente scontato come tutto ciò che è assoluto. Giorni fa ti ho chiesto, di nuovo una luna, però gialla dentro un cielo cobalto, una luna africana. Forse me l’hai fatta, forse un giorno o l’altro l’avrò questa luna.”

Dopo la morte di Hugo Pratt, la donna ha raccontato un aneddoto sul loro amore. Desiderava che Hugo le disegnasse una luna, dopo averle disegnato Venezia e una gondola, la cantante desiderava una Luna gialla con un cielo cobalto, proprio come le lune africane.

Proprio in questi anni, la celebre cantante italiana ha sempre rimandato l’incontro con Hugo Pratt, per via di impegni lavorativi e non. Non riusciva a spiegarsi perché stava evitando quegli incontri.

“Per dodici anni ho rimandato questo incontro e spesso mi sono chiesta il perché. Perché non riuscivo a raggiungerti, perché continuavo a girare intorno al problema, perché ti dicevo di portarmi in viaggio con te, senza mai chiedertelo, come una donna che si propone disposta a unirsi alla carovana oppure rischiando di trovarsi sola e impreparata senza un’offerta dichiarata, senza una falsa garanzia che si chiama corteggiamento. Vieni, mi hai sempre detto, io sono qui, sei tu che sei sempre fidanzata che non si capisce mai a che punto è. È inutile che me la prenda, che mi dia della cretina adesso. Prendo atto che questo è il mio grande rimpianto. Mi fa sentire una donna da poco, banale, una qualunque signoretta

Ma nonostante tutto il suo fumettista le disse di essere sempre pronto ad accoglierla, accusandola di essere sempre fidanzata e non capendo mai a che punto fosse delle sue storie.

Seguici su Google News

Back to top button