Le lampadine LED (Light Emitting Diode) sono sorgenti luminose che emettono luce priva di raggi UV e infrarossi.

Negli anni Sessanta, data in cui si fissa la nascita dell’illuminazione a LED, queste fonti di illuminazione venivano inizialmente impiegate solo nella segnaletica stradale poiché i primi modelli erano unicamente di colore rosso.

Successivamente, verso l’inizio degli anni Novanta, sul mercato vengono introdotti anche altri modelli che riuscivano ad emettere luce blu, rossa e verde, fino ad arrivare all’attuale luce bianca.

Le lampadine LED di qualità e a basso consumo energetico sono indicate sia per un uso domestico che per quello commerciale, proprio perché esistono svariate tipologie di lampadine.

Andiamo ora a vedere tutti i vantaggi che racchiudono in sé queste sorgenti luminose.

I diversi vantaggi dell’illuminazione LED

Innanzitutto, utilizzando le lampadine a LED, si ha un risparmio energetico minore rispetto all’utilizzo delle tradizionali lampadine. Infatti i LED consumano fino a 10 volte meno rispetto alle lampadine alogene.

Un altro vantaggio dell’illuminazione LED lo vediamo sul fronte della durata: la vita media di una lampadina LED, infatti, si aggira intorno alle 50.000 ore e, se costruita a dovere, è possibile anche utilizzarla oltre questa stima.

Le lampadine LED, al contrario delle lampade al neon che impiegano anche diversi minuti per accendersi, si accendono nell’immediato, proiettando subito la luce, che ha un’alta efficienza luminosa e, inoltre, è possibile regolare l’intensità della luce, risparmiando maggiormente energia.

Le luci LED non inquinano e dunque sono ecologiche, perché prodotte con materiali riciclabili. Queste lampadine, infatti, non contengono sostanze tossiche (come mercurio, piombo o altri metalli pesanti) o gas che nuocciono alla salute, a differenza delle tradizionali fonti di illuminazione.

Con queste lampadine a LED si ha una totale assenza di raggi UV e raggi infrarossi dannosi, sia per l’uomo che per l’ambiente circostante, diminuendo anche così la presenza di insetti (come zanzare e falene) che sono, per l’appunto, attratti da questi raggi.

Le lampadine a LED inoltre trattengono in sé la luce calda; così facendo, possono essere installate anche in prossimità di materiali che temono un eccessivo calore, come plastica o legno.

Queste lampadine sono, inoltre, versatili e compatibili con ogni attacco esistente. Richiedono, poi, un costo minore di manutenzione rispetto a quelle alogene o al neon.

Con queste lampadine a LED è possibile creare effetti scenografici di forte impatto e creare dei design minimali ma al contempo raffinati. Ogni lampada moderna, infatti, può contenere al suo interno una lampadina LED creata appositamente per l’occasione: ecco perché in commercio è possibile trovare lampadine LED di ogni forma e colore.

Attualmente le luci a LED hanno diversi utilizzi che vanno dall’ambito domestico a quello dell’industria aerospaziale e, dal momento che sono fonti di luce concentrata, sono fortemente utilizzate in oggetti come lampade da lettura o da ufficio, o addirittura nelle insegne luminose.

Grazie a tutti questi vantaggi sia economici che a livello di sostenibilità ambientale, le lampadine a LED sono considerate la scelta più economica per ogni struttura, proprio perché, grazie alla loro versatilità, possono essere impiegate sia per un uso domestico che per quello commerciale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA