Il primo titolo dei San Antonio Spurs

Il 25 Giugno del 1999, i San Antonio Spurs, guidati da mister Gregg Popovich, conquistavano il loro primo storico titolo dopo il passaggio dalla ABA alla NBA.

Tim Duncan is the key

Se c’è un giocatore che è stato veramente determinante nella vittoria del primo titolo dei San Antonio Spurs, quello non può non essere Tim Duncan. Partiamo però, leggermente più indietro, precisamente dal 1976. Questo è l’anno in cui la franchigia texana passa dall’ABA (American Basketball Association) alla NBA. Un passo importante visto che ormai l’NBA stava diventando la lega ufficiale e più prestigiosa. Dopo anni di ambientamento nella nuova lega, nel 1997 arriva la svolta. Gli Spurs hanno la prima scelta assoluta del Draft, decidono di chiamare un ragazzo caraibico di nome Tim Duncan. Inutile dire quanto sarà fondamentale questo ragazzo per costruire una squadra che nei successivi anni vincerà cinque anelli. Nel 1999, la franchigia texana parte alla grande, consapevole di poter competere fino alla fine in questa stagione. Con un record di 37 vittorie e sole 13 sconfitte chiudono la stagione regolare e si apprestano a giocare i playoff guidati da David Robinson e Tim Duncan. Al primo turno spazzano via i Minnesota Timberwolves per 4-1 e rifilano un sonoro 4-0 ai Los Angeles Lakers. In finale di Conference arrivano i Portland Trail Blazers ma la musica non cambia, un altro 4-0 e prima finale NBA conquistata. L’ultimo ostacolo prima di diventare campioni si chiama New York Knicks, guidati da Patrick Ewing. Qui, Duncan mostra al mondo intero di cosa è capace. Guida i suoi a suon di punti e rimbalzi, portando a San Antonio il primo storico titolo NBA, la prima squadra proveniente dalla ABA a riuscirci. La serie si chiude sul 4-1, con Duncan MVP delle finali e un inizio di dinastia che porterà i texani ad altri quattro titoli, ma questa è un altra storia.

Seguici su: https://metropolitanmagazine.it/

Seguici su: https://www.facebook.com/metropolitanmagazineitalia/

Puoi trovarci anche su: https://twitter.com/MMagazineItalia

© RIPRODUZIONE RISERVATA