La notizia era nell’aria fin dalla prima bozza di regolamento tecnico della futura classe regina. Con l’arrivo delle hypercar, le vetture della classe LMP2 subiranno una riduzione di potenza a partire dalla prossima stagione.

Riduzione potenza LMP2 – Nella giornata di oggi è arrivata l’ufficialità direttamente dal FIA World Endurance Championship. Le vetture della categoria LMP2 subiranno una riduzione di potenza di 40 cv a partire dalla prossima stagione. In questo modo sarà possibile garantire il divario di prestazione tra le LMH e le LMP2. Solo una riduzione di potenza del motore oppure ci saranno anche altri cambiamenti futuri in ottica aerodinamica?

Il cambio avverrà “per facilitare la coabitazione in pista” tra le nuove hypercar e le LMP2. Un cambiamento necessario dato che le performance delle vetture della nuova classe regina sono più vicine a quelle delle attuali LMP2. La potenza sarà così ridotta da 600 a 560 cv. Questa modifica regolamentare non dovrebbe riguardare le altre vetture LMP2 che competono in altre categorie. Per cui, competizioni come la European Le Mans Series non saranno influenzate da questo cambiamento.

Riduzione potenza LMP2
La Oreca 07 #29 di Racing Team Nederland che, fino alla scorsa stagione, utilizzava la vettura Dallara – Photo Credit: Racing Team Nederland

Altra conferma di giornata riguarda il fornitore di pneumatici. A partire dalla stagione 2020/2021, Michelin fornirà univocamente gli pneumatici a tutte le LMP2 sulla griglia determinando la fine dell’unica classe senza fornitore unico. La casa francese ottiene un altro importante traguardo, dato che ha già ottenuto la fornitura esclusiva della classe hypercar.

Un’altra domanda molto frequente sulla categoria LMP2 riguarda l’attuale predominio Oreca. Il costruttore francese fornisce sette delle otto vetture in griglia nel WEC, ad eccezione della Cetilar Racing che porta in pista la Dallara P217 #47. La riduzione di potenza potrebbe avvantaggiare Dallara nell’avvicinarsi ad Oreca oppure il divario non è colmabile?

SEGUICI SU :

© RIPRODUZIONE RISERVATA