16.5 C
Roma
Maggio 15, 2021, sabato

Saldatrice TIG: come funziona e in quali campi usarla

- Advertisement -

La saldatrice TIG è uno strumento che viene utilizzato in diversi campi ma in particolare per eseguire lavori di precisione su qualasiasi materiale purchè abbia uno spessore di 8-11 mm in modo da avere un buon risultato in termini di resistenza.

La tecnica di saldatura TIG è in realtà più difficile di quanto si possa pensare; è fondamentale che chi la utilizzi, abbia una mano esperta o della familiarità con lo strumento. Detto ciò, vediamo cosa è e come funziona la saldatrice TIG.

Di cosa è costituita la saldatura TIG

Come già anticipato, questa tecnica richiede precisione e fermezza in quanto vengono utilizzati 4 diverse componenti che fanno di questo uno dei migliori strumenti di saldatura:

  • la torcia;
  • la macchina;
  • un gas;
  • un elettrodo.

La torcia non serve a fare luce, bensì regola il flusso del gas a seconda della dimensione della cappetta e a mantenere l’elettrodo fermo durante il lavoro. Questo strumento simile a una penna è collegato direttamente alla bombola del gas che la alimenta durante l’utilizzo.

Il gas deve essere inerte e quello comunemente utilizzato in questi lavori è l’argon. A questo si aggiunge la macchina, dove si può decidere a seconda dell’uso se optare per una corrente continua oppure alternata. Quelle più moderne presentano un comodo display e sono in grado di saldare qualsiasi tipo di materiale (acciaio, ferro e zinco per fare degli esempi).

Ultimo ma non meno importante vi è l’elettrodo e da qui arriva il termine “TIG”; l’elettrodo è un filamento di tungsteso (come quello presente nelle lampadine per avere un’idea) che è un materiale infusibile, ovvero che non si consuma.

Come funziona una saldatrice TIG?

Non è un’operazione semplice e per questo è indispensabile una mano esperta; viene usata per saldare materiali che non hanno un grande spessore e quindi largo impiego nel campo dell’idraulica e simile (ad esempio tubature) e in quello della carrozzeria (dalle auto fino ai cantieri navali grazie alla sua efficacia e resistenza), come anche negli impianti, arredo e molto altro.

Benchè ci siano diversi modelli in commercio, la tecnica consiste nell’avvicinare l’elettrodo (ovvero il filamento di tungsteno) al pezzo da saldare in un’atmosfera inerte che viene creato dall’argon o dal gas utilizzato. L’innesco dell’arco dell’elettrodo non avviene per contatto, ma con l’accensione della torcia.

Ciò che è importante è non far entrare in contatto il materiale da saldare con l’elettrodo, altrimenti si interrompe il processo di saldatura ed è per questo che si tratta di una tecnica di precisione, ma il cui risultato è sorprendente. Altro aspetto positivo della saldatrice TIG è il fatto che il tungsteno non produce scorie e l’igienizzazione può essere effettuata senza l’utilizzo di abrasivi, ma con prodotti per la satinatura.

Tuttavia, anche se richiede esperienza ci si può esercitare e raggiungere un ottimo risultato facendo pratica su materiali che non si possono utilizzare ai fini commerciali e raffinare la tecnica al meglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
Mr. Redhttps://metropolitanmagazine.it/
Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e questo è quanto basta.
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -