Shopper in cotone: l’accessorio must-have dell’estate

Finalmente ci siamo: abbiamo capito che il benessere del Pianeta è una questione che ci riguarda da vicino e che può compromettere la nostra vita. Fino a qualche tempo fa, infatti, l’ecologia era vissuta come la necessità di salvare solo gli orsi polari. Oggi le persone scendono in strada, acquistano con maggiore consapevolezza e hanno iniziato a temere per la propria pelle in merito alla qualità dell’ambiente in cui vivono. Perché scriviamo questa premessa? Perché è grazie a questo sprint di rispetto per l’ambiente che circola un po’ ovunque, il mercato delle shopper cotone ha raggiunto livelli soddisfacenti in sostituzione alle inquinanti buste di plastica. Finalmente!

Perché dovresti utilizzarle anche tu?

I sacchetti di plastica e quelli compostabili sono in maggioranza in mano alle ecomafie e, pagando qualche centesimo di euro al supermercato, magari senza saperlo, stai supportando i loro business meschini. Per togliere alla criminalità organizzata questa bella fetta di guadagno basta smettere di sovvenzionarla. Che tu lo faccia per pigrizia o perché non sei a conoscenza del problema non importa: i sacchetti in plastica devono essere drasticamente ridotti. Come fare? Portando con te una shopper quando vai a fare la spesa. Impara a dire no alla pigrizia e metti in pratica questa piccola abitudine. Magari potrà sembrarti una cosa di poco conto ma se tutti facessimo così, non avremmo più il problema delle buste in plastica che inquinano mari e monti. La crisi ecologica si avvicina incalzante, per cui non c’è nemmeno il tempo di “pensare” se sia il caso di iniziare a fare qualcosa: bisogna cominciare subito.

Perché è conveniente?

Ogni volta che facciamo un acquisto e utilizziamo la busta in plastica, in realtà la paghiamo. Ok, costa pochissimo e quei pochi centesimi che spendiamo per ogni acquisto non pesano sul bilancio. O forse sì? Facciamo due conti. Facendo in media due spese settimanali di ridotte quantità portiamo a casa circa dieci sacchetti in plastica al mese, escludendo gli altri acquisti tipo abbigliamento, ufficio, farmacia ecc… Per dieci sacchetti al mese, in un anno, ne accumuliamo centoventi. Se ogni sacchetto lo paghiamo dieci centesimi significa che in un anno spendiamo dodici euro di sacchetti. Non è una cifra esorbitante ma è calcolata con una stima al ribasso e che tiene conto della sola spesa al supermercato. Se includessimo anche i sacchetti per frutta e verdura e tutti quelli in cui riponiamo gli altri acquisti, la cifra sarebbe di gran lunga maggiore. Perché spendere questi soldi se con una sola shopper puoi fare tutti i tuoi acquisti, per sempre?

Le shopper aiutano te ed il pianeta

Abbiamo quindi capito il valore di questo oggetto così “umile” ed economico, per cui siamo certi non occorra continuare a ribadire sempre lo stesso concetto. Le shopper sono utili anche per tante altre ragioni, tra cui quella di fare pubblicità all’azienda, veicolare un messaggio etico importante e far risparmiare tanto denaro. Se ti abbiamo convinto, corri a dare una sbirciatina su quelle proposte da Gedshop, uno dei migliori rivenditori attualmente sul mercato. Scoprirai che costano davvero poco e che possono diventare un importante e utile gadget promozionale con cui presentare in maniera impeccabile il tuo brand. In estate, infine, sono l’accessorio più utile che si possa scegliere come gadget per i propri clienti perché si rivelano estremamente comode e utili per il mare, per la piscina e per svolgere tante piccole azioni quotidiane in sostituzione a quelle di plastica. Cosa si può desiderare di più?

Leggi anche: https://metropolitanmagazine.it/olio-di-cocco-in-cucina-e-non-solo/