Attualità

Sistema Tessera Sanitaria: l’ecosistema digitale della sanità

Con la e-health o sanità in rete si fa riferimento soprattutto all’utilizzo di strumenti basati sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione per sostenere e promuovere la prevenzione, la diagnosi, il trattamento e il monitoraggio delle malattie. Rappresenta la realizzazione di un sistema di servizi integrati, capace di impattare fortemente sul rapporto medico-paziente, sullo scambio di comunicazioni tra medici e su tutta la rete comunicativa parallela che si sviluppa orizzontalmente tra pari, attraverso internet ed i social media.

Tra i molteplici progetti e servizi che hanno, e continuano, ad apportare un cambiamento alle abitudini e alle pratiche medico-sanitarie italiane è essenziale far riferimento al sistema tessera sanitaria: l’ecosistema digitale della sanità, capace di creare una diretta connessione tra i pazienti, le strutture erogatrici ed il Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

Ma quali sono gli strumenti che caratterizzano il sistema TS?

E quali vantaggi apporta al sistema sanità?

Approfondiamolo insieme!

Per maggiori dettagli visita il sito ufficiale: https://sistemats1.sanita.finanze.it/portale/web/guest

  1. Tessera Sanitaria

Cos’è

La Tessera Sanitaria è il documento personale che ha sostituito il tesserino plastificato del codice fiscale.

Dotata di microchip consente l’accesso ai servizi offerti in rete dalla Pubblica Amministrazione nel rispetto della privacy ed in assoluta sicurezza.

A chi è rilasciata

A tutti i cittadini italiani aventi diritto alle prestazioni fornite dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

A cosa serve

  • Per usufruire delle prestazioni offerte dal SSN (prenotazione esame di laboratorio, ritiro farmaco in farmacia, cure termali, visite specialistiche presso strutture ospedaliere o ASL)
  • per certificare il proprio codice fiscale
  • per avere accesso ai servizi offerti in rete dalla Pubblica Amministrazione;
  • per usufruire dell’assistenza sanitaria all’estero
  1. Fascicolo sanitario Elettronico

Cos’è

Il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), qui il sito ufficiale https://www.fascicolo-sanitario.it/fse/, è l’insieme dei dati e dei documenti digitali di tipo sanitario e sociosanitario generati da eventi clinici presenti e trascorsi, riguardanti l’assistito.

Come funziona

Il FSE è istituito a fini di:

  • prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione
  • studio e ricerca scientifica in campo medico, biomedico ed epidemiologico
  • programmazione sanitaria, verifica delle qualità

Il Fascicolo Sanitario Elettronico è istituito su base regionale e viene alimentato e consultato dopo il rilascio del consenso informato da parte dell’assistito, che è il primo soggetto interessato a consultare i documenti in esso contenuti. Il Fascicolo è alimentato in maniera continuativa dai soggetti del SSN e dai servizi socio-sanitariregionali che nello svolgimento della loro attività professionale prendono in cura l’assistito. Così, medici ed operatori sanitari beneficeranno della visione completa della storia clinica del paziente e quest’ultimo non dovrà più preoccuparsi di portare con sé la sua documentazione clinica.

  1. Comunicazione spese sanitarie al sistema TS

Cos’è

A partire dal 2016 tutte le strutture e le figure professionali che erogano prestazioni sanitarie sono obbligate ad inviare al Sistema TS le fatture emesse nei confronti dei propri pazienti.

L’obiettivo?Rendere disponibili all’Agenzia delle entrate le informazioni riguardo le spese sanitarie sostenute da cittadini e pazienti nel corso dell’anno in modo da facilitare la dichiarazione dei redditi precompilata.

Chi è coinvolto

  • Tutti i soggetti tenuti alla trasmissione telematica dei dati di spesa sanitaria, e veterinaria (strutture sanitarie, farmacie, parafarmacie, medici, odontoiatri, professionisti sanitari, etc)
  • i cittadini, che possono esercitare il diritto di opposizione all’invio dei dati delle proprie spese sanitarie

Come funziona

Il processo di comunicazione delle spese sanitarie al sistema TS si attiva nel momento in cui viene emesso un documento fiscale a seguito dell’erogazione di una prestazione sanitaria.

Da quel momento:

  • l’erogatore del servizio sanitario, invia telematicamente le informazioni al sistema TS. Per legge l’invio dei dati al sistema TS deve avvenire entro il 31 gennaio successivo all’anno di pagamento. Ma per quest’anno l’invio sarà semestrale (approfondisci qui le nuove disposizioni: https://www.fiscoetasse.com/rassegna-stampa/29484-invio-dati-spese-sanitarie-2021-al-sistema-ts-la-periodicita-diventa-semestrale.html).

Tra l’altro, sono sempre di più le strutture sanitarie e i professionisti che a fronte della numerosità delle fatture emesse ai pazienti ricorrono a soluzioni software integrate con il sistema TS, attraverso cui semplificare la comunicazione spese sanitarie, abbattere i costi e ridurre criticità ed errori manuali.

  • il sistema TS raccoglie il dato, suddiviso per singolo cittadino/pazienti e tipologia di spesa e lo invia all’Agenzia delle Entrate
  • L’agenzia delle entrate mette a disposizione del cittadino/paziente i dati ricevuti nell’apposita sezione della dichiarazione dei redditi recante l’importo delle spese sanitarie sostenute ai fini della detrazione Irpef
  • Il cittadino/paziente prende visione di quanto imputato a suo nome e può manifestare il suo diniego all’invio dei dati all’Agenzia delle entrate per la compilazione della dichiarazione dei redditi relativamente ai dati di competenza dell’anno precedente
  1. Ricette mediche elettroniche

Cos’è

La ricetta elettronica è un documento sanitario che prevede dal 2016 la completa informatizzazione della ricetta rossa e semplifica la gestione della relazione tra ente sanitario (medici, strutture sanitarie, farmacie, etc) e pazienti.

Come funziona

Il processo di prescrizione ed erogazione della ricetta elettronica prevede:

  • l’interconnessione in tempo reale tra SSN e i medici prescrittori, le farmacie presenti sul territorio, le strutture sanitarie pubbliche o private dove si erogano le prestazioni di specialistica ambulatoriale
  • l’attribuzione di un codice di identificazione univoco detto NRE (numero ricetta elettronica) associato al codice fiscale del paziente ed identificativo della ricetta medica elettronica
  • il rilascio al paziente di un promemoria (cartaceo) contenente il numero di ricetta elettronica, il suo codice fiscale, la prescrizione ed eventuali esenzioni.

Con tale promemoria, il paziente può, ad esempio, recarsi in farmacia, usufruire del servizio di consegna dei farmaci a domicilio, prenotare la visita specialistica, contattare l’ente di suo interesse, etc.

Adv
Adv

Mr. Red

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e questo è quanto basta.
Adv
Back to top button