Cinema

Stasera in tv “Il re dei re”, kolossal religioso del 1961

Remake dell’omonimo film del 1927, Il re dei re è un kolossal biblico che in passato ha fatto parlare di sé. Con la regia di Nicholas Ray, la cui vita Wim Wenders racconta nel 1980 nel suo Lampi sull’acqua – Nick’s movie, e l’interpretazione di Jeffrey Hunter nei panni di Gesù, la pellicola si presenta come un buon prodotto nella lunga storia del genere. A fare la differenza è però la profondità storico-politica, che sembra quasi voler reinventare la figura di Cristo e dei personaggi che gli gravitano intorno.

Il re dei re - Photo Credits: Everyeye Cinema
Il re dei re – Photo Credits: Everyeye Cinema

La trama

Alla nascita di Gesù (Jeffrey Hunter), la Giudea è sotto la spietata dominazione romana. Gli ebrei sono assoggettati al potere di Erode, più tirannico che mai in questo adattamento. Questa è la storia che conosciamo tutti e che tante volte ci è stata raccontata al cinema (pensiamo al celebre La passione di Cristo di Mel Gibson).

Il Morandini ci informa però che l’adattamento di Ray è “il più politico tra i colossi hollywoodiani sulla vita del Cristo”. Barabba e Giuda vengono infatti dipinti come partigiani in lotta con la terribile dominazione romana. Se aggiungiamo che Gesù viene poi ridotto quasi alla stregua di ogni altro profeta, è chiaro come, soprattutto anni fa, il film fece storcere qualche naso. Rimane il fatto che si tratta di un prodotto visivamente convincente, che offre di certo una prospettiva diversa.

Seguici su MMI e Metropolitan cinema
Manuela Famà

Adv
Adv
Back to top button