Attualità

Stop alla violenza su medici e infermieri: in Italia vengono aggrediti 14 operatori sanitari al giorno

Scontri, richieste ingiustificate e intimidazioni. Sono 5mila le aggressioni all’anno subite dagli infermieri, 13/14 al giorno, secondo i calcoli dell’Inail. Nel 58% dei casi sono attacchi fisici e non verbali.

Il 12 marzo sarà la giornata di prevenzione ed educazione contro la violenza su medici e infermieri

Sono 5 mila le aggressioni all’anno subite dagli infermieri secondo i calcoli dell’Inail. La Giornata servirà a promuovere una cultura che condanni ogni forma di violenza nei confronti dei lavoratori della sanità.

Medici e infermieri, sembrano essere diventati i nemici contro cui sfogare la propria frustrazione. In un’escalation di episodi di violenza che, da Nord a Sud, proseguono senza sosta.

Per questo il ministro della Salute Roberto Speranza, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e il ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, hanno firmato un decreto. Il testo istituisce per il 12 marzo, la Giornata nazionale per la prevenzione e l’educazione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari.

Sul sito del Ministero della Salute l’evento è promosso con lo scopo di:

«organizzare iniziative di comunicazione e per promuovere una cultura che condanni ogni forma di violenza nei confronti dei lavoratori della sanità»

La Giornata si terrà il 12 marzo. Federsanità ha trovato l’iniziativa opportuna e dovuta a tutti coloro che ogni giorno, ma ancora di più da quando è cominciata la pandemia, sono in prima fila a combattere il virus e a rischiare in prima persona.  

Per la Confederazione che associa le Aziende Sanitarie Locali, Ospedaliere e gli Irccs, vista la situazione, è indispensabile investire in comunicazione per cercare di ripristinare un clima di rispetto, ma anche di fiducia nei confronti del personale sanitario che opera nelle strutture.

Segui Metropolitan Magazine su Facebook

Back to top button