Strage di Bologna: il più grave atto terroristico avvenuto nell’Italia del secondo dopoguerra, assieme alla Strage di Piazza Fontana e alla Strage di Piazza della Loggia, a ridosso della strategia della tensione. Ricordando il tragico evento ed i fatti storici del giorno.

Strage di Bologna, quarant’anni fa l’atto terroristico

Sono le 10:25 della mattina del 2 agosto 1980, quando, una valigia colma di tritolo esplode in una sala d’aspetto della seconda classe della stazione di Bologna: l’evento devastante causerà il decesso di 85 morti e 200 persone rimarranno ferite. La strage della stazione di Bologna si considera come il più grave attentato terroristico in Italia nel secondo dopoguerra. Attentato visto come uno degli ultimi atti della strategia della tensione, che colpì l’Italia nei famigerati anni di piombo.

Strage di Bologna - Photo Credits: web
Strage di Bologna – Photo Credits: web

Le prime ipotesi sull’avvenimento si imputarono allo scoppio di una caldaia; tuttavia, tale argomentazione non resse a lungo considerando che non c’erano caldaie nelle zone limitrofe. Si pensò, quindi, alla certezza più temuta: un atto terroristico. La matrice della strage di Bologna fu di estrema destra neofascista. Si individuarono come esecutori dell’attentato individui appartenenti al movimento di estrema destra dei Nuclei Armati Rivoluzionari. Furono processati e condannati, dopo vari depistaggi, per essere stati sicuramente tra gli organizzatori Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e, solo nel 2007 perché minorenne all’epoca dei fatti, Luigi Ciavardini.

Eventi storici del giorno

2 agosto 216 a.C.: Annibale annienta le legioni romane nella famosa battaglia di Canne. E’ il 2 agosto 1870, quando è inaugurato il primo tunnel della metropolitana sotterranea di Londra. Il 2 agosto 1902, invece, in Italia è emanato il regio decreto con cui sono eliminate le catene per i detenuti. Quattordici anni dopo, il 2 agosto 1916, a causa di un sabotaggio esplode la nave da battaglia Leonardo Da Vinci. Infine, il 2 agosto 1944, gli ultimi rom sopravvissuti ad Auschwitz sono sterminati dai nazisti. Lo stesso giorno le SS uccidono trenta civili nel quartiere di San Biagio a Pisa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA