Attualità

Tania Mendoza di “La mera Reina del Sur” uccisa a colpi di pistola

Adv
Adv

Uccisa martedì davanti agli occhi di suo figlio l’attrice Tania Mendoza del film “La mera Reina del Sur”. Sparata con 4 colpi di pistola al petto mentre aspettava il bambino 11enne davanti ad un campo di calcio. L’attrice aveva sporto denuncia già in passato per minacce e sequestro. Aveva inoltre contatti con il mondo del narcotraffico ed in particolare con il cartello della droga Beltrán-Leyva.

4 colpi di pistola per Tania Mendoza: è morta l’attrice

È morta martedì l’attrice Tania Mendoza durante un attentato a Morelos, in Messico. L’attrice era famosa per aver interpretato la sua omonima nel film “La mera Reina del Sur” da cui era stata poi tratta una serie tv Netflix “La regina del Sud”. In questo caso il suo personaggio era interpretato da Kate del Castillo.

La donna di 42 anni è stata assassinata mentre, insieme ad altri genitori, aspettava che il figlio 11enne terminasse gli allenamenti di calcio. Il tutto è avvento nell’unità sportiva di Felinos, nel quartiere di Lomas de Cortés. Due uomini a cavallo di una motocicletta sono passati di lì e le hanno sparato 4 colpi al petto che, purtroppo, hanno messo fine alla sua giovane vita.

Non è ancora chiaro chi vi sia dietro l’omicidio dell’attrice o quale possa essere il movente dell’accaduto. Tuttavia dopo l’attentato, considerato come femminicidio, l’ufficio del procuratore generale ha fatto partire una ricerca degli assassini che tuttavia non ha portato a nessun arresto.

Già nel 2010 la Mendoza aveva sporto denuncia per furto aggravato e rapina. Insieme al marito e al figlio l’attrice era stata inoltre vittima di sequestro. I tre vennero trasportati fuori città e dopo qualche ora rilasciati dai rapinatori probabilmente in seguito al pagamento di un riscatto. Al fatto seguirono poi diverse minacce di morte. Tania Mendoza aveva avuto contatti con il mondo del narcotraffico messicano essendo in contatto con il cartello della droga di Marcos Arturo Beltrán-Leyva.

Alla morte dell’uomo nel 2009 l’attrice aveva scritto un post Instagram in cui chiamava “fratellino” il capo del cartello. “Ti amiamo” riportava il murale dedicato a Beltrán-Leyva che la Mendoza aveva condiviso sui social.

Cristina Caputo

Seguici su

Facebook 

Instagram 

Twitter 

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button