Cronaca

The Big Bend, il rivoluzionario grattacielo ad arco

Grattacieli alti? Non più: la nuova tendenza a New York potrebbero diventare quella dei grattacieli lunghi. È questa la sfida lanciata dagli architetti di Oiio Studio per il quartiere di Manhattan a New York, che sta vedendo la proliferazione di palazzi sempre più alti e sottili.

Lo skyline di Manhattan sembra si arricchirà di un nuovo titanio in vetro e acciaio proteso verso il cielo: The Big Bend, (“La Grande Curva”), annunciato come il prossimo “grattacielo più lungo del modo”. L’esagerato concept si svilupperà seguendo la geometrica forma ad “U” rovesciata, abbattendo i limiti dell’architettura. Avrà l’incredibile lunghezza di 1.219 metri, da piano terra a piano terra, dotato di un sistema di ascensori a doppio binario, progettati per viaggiare in orizzontale e in curva.

Presentato il 23 marzo a New York, il progetto sfida le leggi della gravità ed è stato pensato per aggiungere un rivoluzionario tassello alla cosiddetta “Billionaire’s Row“: la “via dei miliardari”, a sud di Central Park, dove alcuni dei più contestati palazzi super sottili stanno vedendo la luce, o sono stati da poco costruiti.

Le leggi urbanistiche di New York hanno generato una peculiare serie di “trucchi” attraverso cui gli immobiliaristi cercano di aumentare al massimo l’altezza delle loro proprietà al fine di dare loro il prestigio di un grattacielo” spiega lo studio Oiio. “Se riuscissimo a curvare la nostra struttura invece di cambiare il piano regolatore di New York, saremmo in grado di creare uno dei più prestigiosi edifici di Manhattan”.

Nonostante al momento non ci siano dettagli sulla sua costruzione, se dovesse essere effettivamente realizzato, il Big Bend diventerà l’edificio più lungo del mondo, superando anche il Burj Khalifa di Dubai, che come tutti i grattacieli si sviluppa solo in altezza.

 

Patrizia Cicconi

https://wordpress.com/post/metropolitandotblog.wordpress.com/23915

Adv

Related Articles

Back to top button