Motori

Valentino Rossi torna sull’evasione fiscale del 2007: “Ho fatto degli errori…”

Adv
Adv

È stato, certamente, uno dei periodi più complicati della vita privata di Valentino Rossi che nel 2007 ha dovuto fronteggiare l’accusa di evasione fiscale quando viveva nella città di Londra. L’accertamento dell’Agenzia delle Entrate gli contestò di non aver dichiarato una cifra pari a 60 milioni di euro, mentre lo Stato italiano gli contestava, contestualmente, una residenza fittizia (utile per aggirare le tasse). Dopo diverse trattative ed incontri, arrivò l’accordo tanto atteso con l’Erario: il Dottore s’impegnò a pagare 35 milioni di euro spostando, nuovamente, la residenza in Italia. Valentino Rossi ha parlato questa vicenda, che ha segnato il campione di Tavullia, in una recente chiacchierata su YouTube.

Valentino Rossi e l’evasione fiscale: “I media hanno spinto…”

Ecco le parole dell’intervista concessa dal Dottore al canale YouTube di Graham Bensinger riportate da FormulaPassion.it:

“I media hanno spinto molto su di me. Mi sono trovato in una brutta situazione perché avevo fatto degli errori, sapevo che tutto questo sarebbe potuto accadere da uno o due anni, e volevo provare a sistemare tutto. Ho insistito molto per sistemare la questione, perché volevo tornare in Italia. Vivevo a Londra, un posto fantastico, ma non mi sentivo bene, non era casa mia. Ho provato a tornare a casa, ma ero bloccato in una situazione nella quale ero fregato. Avevo il mio vecchio manager e le persone che lavoravano con me che mi avevano messo in una sorta di ragnatela e non potevo muovermi. Ho pagato e sono stato in grado di ritornare. Per me da quel momento è iniziata una nuova vita. Arrivai di fronte a casa mia e vidi una folla di giornalisti, ma non sapevo nulla. Passai accanto domandandomi cosa fosse accaduto e proprio in quel momento mi arrivò la notifica”.

Ho sofferto molto che la stampa mi aveva distrutto, anche con cose che non erano vere, come i 163 milioni, una cifra che neppure ho. Dopo, passo dopo passo, ho provato a sistemare tutto. Alla fine mi sono sentito molto meglio, anche perché ho tagliato di netto con la mia precedente organizzazione che mi aveva messo in questo problema. Ho imparato che quando lavori, l’amicizia è una cosa, e il lavoro un’altra. Ho dovuto spiegare a questi ragazzi che era finita, che non andava bene ciò che era successo e che dovevo cambiare e questo mi ha reso più forte. Non è facile, ma quando superi periodi difficili, se sopravvivi, diventi più forte. Dopo tutto questo ho imparato a seguire il mio istinto e la maggior parte delle volte è stata la scelta giusta.”

Seguici su Metropolitan Magazine

(Photo Credit Twitter Valentino Rossi)

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button