17.4 C
Roma
Maggio 16, 2021, domenica

Valori degli esami del sangue: quali sono le analisi di routine?

- Advertisement -

Gli esami del sangue sono forse il metodo di analisi più comune e utilizzato per verificare il generale stato di salute del nostro corpo. Le analisi del sangue vengono effettuate per controllare che gli organi e i tessuti svolgano le loro normali funzioni in modo corretto. Quando emergono delle anomalie nella quantità o nella qualità delle cellule che sono presenti nel sangue (o nelle quantità di specifiche sostanze o marcatori) può significare che sono in atto una o più patologie.

A cosa servono gli esami del sangue?

Gli esami del sangue vengono condotti per valutare il generale stato di salute dell’organismo. Possono confermare un buono stato di salute oppure rendere nota la presenza di alcune alterazioni che possono essere correlate a patologie più o meno gravi.

Gli esami del sangue vengono prescritti dal medico per tre motivi principali:

  1. sono un controllo di routine in persone sane;
  2. sono una conferma diagnostica di una patologia o di una carenza nutrizionale. Il medico li prescrive in presenza di particolari sintomi (per esempio, nel caso dei sintomi tipici della carenza di ferro, i valori negli esami del sangue possono essere utili a confermare una eventuale anemia sideropenica);
  3. per monitorare l’andamento di una malattia o di una terapia attuata dopo che è stata stabilita la diagnosi.

Quali sono gli esami del sangue?

Per derivare un quadro clinico dalle analisi del sangue, il medico considera anche altri parametri del paziente quali il sesso, l’età, l’etnia e lo stato di salute al momento degli esami. È importante ricordare che gli esami del sangue devono essere sempre valutati e interpretati dal personale medico: il semplice confronto con le misure di riferimento riportate nei fogli con i risultati degli esami è spesso disinformativo per il paziente; il confronto con dati o informazioni su salute e benessere riportate in rete, invece, può essere perfino dannoso.

I parametri che possono essere valutati attraverso gli esami del sangue sono:

  1. Parametri chimico-fisici, come il pH del sangue, l’osmolalità, la viscosità e la concentrazione dell’anidride carbonica nel plasma;
  2. Parametri emocromocitometrici o emocromo, ovvero l’analisi della qualità e della quantità delle cellule che compongono il sangue. L’emocromo comprende l’analisi dei globuli bianchi, dei globuli rossi, delle piastrine, dell’emoglobina, dell’ematocrito, dei reticolociti, il volume corpuscolare medio dei globuli rossi, il contenuto cellulare medio di emoglobina, la concentrazione media di emoglobina nelle cellule, l’ampiezza della distribuzione del volume dei globuli rossi intorno a un valore medio.
  3. Parametri di emocoagulazione quali il valore dell’antitrombina III, del fibrinogeno, del tempo di protrombina, del tempo di tromboplastina;
  4. Parametri legati all’indagine degli elettroliti del siero (basi totali, calcio, cloruro, fosfato inorganico, magnesio, potassio, sodio, ferro, piombo);
  5. Parametri che indicano la funzionalità renale ed epatica;
  6. Parametri che indicano l’elettroforesi delle proteine del sangue (tra cui l’analisi dell’albumina);
  7. Parametri che indicano i livelli metabolici di acido lattico, acido piruvico, acido urico, ceruloplasmina, coenzima Q10, corpi chetonici, crioglobulina, fenilalanina, glucosio, colesterolo, trigliceridi, vitamina A, vitamina C e vitamina B12.
  8. Parametri che indicano i livelli di immunoglobuline (anticorpi) nel sangue. Le immunoglobuline sono marker essenziali per verificare lo stato di salute del sistema immunitario e valutare una eventuale presenza di una reazione immunitaria in corso. Le immunoglobuline sono IgA, igD, IgE, IgG e IgM.
  9. Parametri che indicano i livelli di specifici enzimi e ormoni (per esempio le analisi degli ormoni tiroidei sono utili per valutare lo stato di salute della tiroide);

Attraverso le analisi del sangue è inoltre possibile valutare la presenza di particolari markers tumorali, come per esempio l’antigene glicoproteico CA 15-3 che viene espresso nello specifico dalle cellule tumorali della mammella, oppure può essere indagata la presenza di una patologia su base autoimmune come l’artrite reumatoide (attraverso l’indagine della presenza del fattore reumatoide).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
Mr. Redhttps://metropolitanmagazine.it/
Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e questo è quanto basta.
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -