11.1 C
Roma
Aprile 11, 2021, domenica

Vaporizzatore di CBD per l’insonnia, aiuta?

- Advertisement -

Niente è più irritante che restare sveglio a letto fino a tarda notte con la prossima giornata lavorativa a poche ore di distanza. Questa condizione è tra l’altro oggi molto comune e si rivela particolarmente dannosa specie se si è attesi da una frenetica attività lavorativa.

Fortunatamente per rimediare all’insonnia, c’è un’alternativa naturale e più veloce rispetto ai sonniferi e che sta diventando sempre più popolare tra gli adulti. Nello specifico si tratta del vaping ovvero nella vaporizzazione dell’olio di CBD estratto dalla pianta di cannabis sativa e che non comporta effetti psicoattivi.

In che modo svapare il CBD per conciliare il sonno?

Coloro non hanno mai svapato prima e sono curiosi di sapere quali benefici per la salute può offrire la tecnica con il CBD, in primo luogo va detto che molte sono le persone che si rivolgono alla sostanza prima di andare a letto. In secondo luogo è facile capire perché persone di tutte le età si stanno allontanando dai farmaci per dormire e dai sedativi nell’era dei prodotti a base di cannabis. 

Con le continue voci di effetti collaterali dannosi causati da numerosi farmaci prescritti per conciliare il sonno questi soggetti sono infatti alla ricerca di modi più alternativi e naturali. Detto ciò, va altresì aggiunto che svapare i liquidi con CBD per sigaretta elettronica è altrettanto semplice, agisce rapidamente e funziona molto bene per tantissime persone. 

A margine è però doveroso sottolineare che in rari casi si possono sperimentare effetti collaterali minori come ad esempio secchezza delle fauci, un cambiamento di appetito o affaticamento, anche se questi non sono per nulla paragonabili a quelli della canapa naturale (THC) e delle tante sostanze chimiche presenti nei sonniferi farmaceutici.

Come funziona il vaping con il CBD?

Facendo una rapida analisi di come il CBD può giovare alla salute e aiutare ad addormentarsi la notte, si deduce che l’olio estratto dalla pianta nota con il nome botanico di Cannabis Sativa è molto efficace. Infatti innanzitutto va detto che vaporizzare il CBD in di per sé non è ciò che aiuta ad addormentarsi, ma piuttosto la sua interazione con il sistema endocannabinoide naturale presente nel corpo umano.

Nello specifico si tratta di un sistema molecolare costituito dai recettori dei cannabinoidi, CB1 e CB2. Le molecole endocannabinoidi e gli enzimi metabolici che mantengono l’omeostasi nel corpo umano vengono attivati ​​dal CBD quando si consumano e interagiscono con la chimica interna dell’appetito, dell’umore, del sistema immunitario fornendo nel contempo risposta al dolore ed ottimizzando le funzioni del sonno. 

La ricerca in tal senso ha tra l’altro dimostrato che il consumo di CBD tramite svapo, aiuta a riequilibrare l’omeostasi attivando questi segnali messaggeri e riportando in equilibrio i recettori stressati.

I vantaggi dello svapo di CBD

Molte persone pensano che possano ottenere la sensazione di euforia quando svapano il CBD. In realtà si tratta di una concezione sbagliata o per meglio dire di disinformazione; infatti, anche se è un componente di una pianta di cannabis, non è psicoattivo come la sua controparte THC (tetraidrocannabinolo). 

La canapa e la marijuana sono entrambe piante di cannabis, ma differiscono proprio nel loro contenuto di cannabinoidi.  Lo scopo del CBD non è quindi di alterare lo stato di coscienza o giudizio come fa invece il THC. Diversamente agisce come un aiuto per rilassarsi e decomprimersi durante o alla fine di una giornata stressante. 

Ecco perché ci sono validi motivi (e scientificamente provati) per cui le persone che lottano per addormentarsi di notte dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di scegliere la via dello svapo per consumare il CBD, in tutta tranquillità e mettendo da parte le voci infondate sul prodotto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -