WEC | La Toyota vincitrice a Silverstone sarà più lenta di 1.4 secondi al Fuji

Il FIA World Endurance Championship ha comunicato le modifiche che verranno apportate per bilanciare le performance delle vetture nella categoria LMP1. Nel secondo round del WEC al Fuji, Toyota peserà ancora di più.

WEC Toyota Fuji – In un contesto molto intricato sotto il punto di vista sportivo, il WEC cerca di ovviare sempre di più alle differenze prestazionali tra le vetture della classe regina. Così come a Silverstone, le due Toyota saranno ulteriormente appesantite anche per il secondo round al Fuji Speedway.

WEC Toyota Fuji
La coppia di Toyota vincitrice alla 4h di Silverstone – Photo Credit: Motorsport.com

La scelta adottata dal WEC è stata quella di adottare degli accorgimenti per livellare le prestazioni sul giro secco. La Toyota #7 guidata da Mike Conway, José Maria Lopez e Kamui Kobayashi sarà resa 1.4 secondi più lenta rispetto a Silverstone. Sulla vettura vincitrice del primo round stagionale, non sono state effettuate delle modifiche sul peso.

Principalmente, i parametri che sono stati modificati afferiscono alla potenza dell’ibrido della vettura a disposizione durante ogni singolo giro oltre aggiustamenti sull’erogazione. Il peso minimo rimarrà pari a 932 kg così come a Silverstone. La vettura gemella, guidata da Sebastien Buemi, Brendon Hartley e Kazuki Nakajima, ha subito un handicap minore con un rallentamento pari ad un secondo. La Toyota #8 dovrebbe avere circa il 9.5% di ibrido in più a disposizione rispetto alal vettura gemella.

WEC Toyota Fuji
La Ginetta G60-LT-P1 AER a Silverstone – Photo Credit: Motorsport.com

Ulteriori aggiustamenti sono stati apportati anche sulle due Ginetta G60-LT-P1 AER e sull’unica Rebellion R13 Gibson. La Ginetta #5 sarà rallentata di 0.66 secondi per giro con un incremento di peso da 833 a 867 kg. L’altra Ginetta, invece, non subirà alcun aggiustamento. La Rebellion R13 Gibson #1 sarà rallentata di 0.03 secondi al giro. Aggiustamenti che, nel complesso, non vanno a sconvolgere le prestazioni delle LMP1 non ibride.

SEGUICI SU:

© RIPRODUZIONE RISERVATA