WordPress e poi? Ecco la classifica di mercato dei CMS

Il nostro sito è costruito su WordPress, così come altri portali informativi internazionali come TechCrunch o The New Yorker; Ikea invece ha preferito Joomla, mentre Nike si affida a Magento e K-Way a Prestashop, che offrono maggiori soluzioni per gli e-Commerce. Oggi parliamo dei CMS, le piattaforme software che consentono di intervenire operativamente su un sito e di lavorarci anche senza possedere particolari competenze di programmazione.

Che cos’è un CMS

Prima di scoprire quali sono i CMS più usati al mondo e di vedere la distribuzione delle quote di mercato, è bene fare un piccolo passo indietro e definire velocemente cosa siano queste piattaforme.

In parole semplici, il CMS è un sistema di gestione dei contenuti che, una volta installato su un server web, facilita la gestione dei contenuti di un sito e svincola il webmaster dalla necessità di possedere conoscenze tecniche specifiche di programmazione Web per riuscire in queste operazioni, con varie possibilità di personalizzazione.

In aggiunta alle feature delle singole piattaforme, ci sono poi vari sistemi per ottimizzare le prestazioni del sito, intervenendo ad esempio sul server: è l’ambito di specializzazione di www.flamenetworks.com, che con il suo servizio hosting CMS offre a tutti una soluzione ideale per realizzare siti web in modo semplice, veloce e sicuro, con l’assistenza di un tecnico professionista e varie funzionalità e feature.

La classifica di mercato dei CMS

Veniamo ora a scoprire qual è il marketshare delle piattaforme a livello globale, con una classifica basata sulle stime fornite dall’esperto Joost de Valk su dati W3Techs, aggiornata allo scorso mese di giugno.

In sintesi, scopriamo che WordPress continua a essere di gran lunga il CMS numero 1 al punto, con una quota di mercato pari al 37,1 per cento e un’incidenza in crescita del 2,3 per cento rispetto alle rivelazioni precedenti (datate novembre 2019). Più di un sito ogni tre in tutto il mondo è quindi strutturato su WP, il che significa in pratica che ci sono più di 600 milioni di siti che lo utilizzano.

Al secondo posto della classifica si posiziona Shopify, che ha superato Joomla: Shopify è un CMS fortemente orientato allo shopping online e beneficia del trend in crescita per il commercio digitale a livello mondiale, conquistando il 2,4 per cento del mercato e aumentando la sua penetrazione di 0.6 punti percentuali negli ultimi sei mesi. È invece in perdita Joomla, che ha una quota di mercato attuale del 2,3 per cento e cala dello 0,3 per cento.

Appena fuori dal podio ci sono gli altri contendenti: Drupal e Squarespace si fermano rispettivamente a 1,6 e 1,4 per cento, in lieve calo rispetto alla precedente rilevazione, mentre incalzano i rivali come Wix (1, 4 per cento), Bitrix e Blogger (appaiati all’1 per cento), tutti con piccoli segni più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA