Allegri e la ”crisi” Juve: la verità

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

Dopo le ultime 3 partite disputate dalla Juventus, per la prima volta dopo 8 anni, è uscita dalla bocca (o dalle mani) di parecchi la parola ”crisi”. La colpa di questa ”crisi” secondo molti è riconducibile a Max Allegri. Un allenatore che da quando è alla Juventus ha vinto 4 Scudetti (molto probabilmente saranno 5 tra qualche mese), 4 Coppe Italia, 3 Supercoppe Italiane. Vi elenco qualche numero della avventura di Allegri dal 2014 ad ora:

  • 251 partite (181 vittorie, 39 pareggi, 31 sconfitte)
  • 482 gol fatti, 175 subiti
  • 72.11% vittorie conquistate

In questa stagione invece i numeri dicono questo:

  • 31 partite (25 vittorie, 3 pareggi, 3 sconfitte)
  • Sempre a segno in tutte le partite disputate
  • 60 punti in 22 partite (19 vittorie, 3 pareggi, 0 sconfitte)
  • 46 gol fatti, 15 subiti
  • 83% vittorie conquistate

Per farvi capire che questo 83% è qualcosa di assurdo vi dico a quanto ammonta la percentuale degli altri allenatori dei Top Club del momento, abbiamo Valverde al Barca con il 69%, Klopp a Liverpool con il 74%, Tuchel al PSG con il 75%, Guardiola al City con il 73%.

La cosa simpatica è che, pur sembrando molto strano, Allegri non ha molti fan tra i tifosi bianconeri. Questi ultimi però non hanno mai potuto dare valore alle proprie critiche nei confronti dell’allenatore livornese in quanto la Juve difficilmente ”toppava” delle partite. Ora invece, tra Lazio, Atalanta e Parma la Juve ha ”toppato” veramente, cosa del tutto normale nell’arco di una stagione da 50+ partite.

Si sta criticando la Juventus per una partita giocata male per 60′ contro la Lazio, vinta comunque 1-2. Per una eliminazione dalla Coppa Italia (vinta per 4 anni consecutivi) a Bergamo per mano di una grandissima Atalanta, anche se la Juve si è praticamente fatta due gol da sola. Per un pareggio al 94′ contro il Parma, un pareggio che porta i bianconeri a -9 dal Napoli invece che a -11.

Allegri e Cristiano
(CREDIT: corrieredellosport.it)

Si sta criticando Allegri perchè pare avere rovinato Cristiano Ronaldo quando i numeri del portoghese dicono tutt’altro che ciò:

  • 22 presenze
  • 17 goal
  • 5 assist

In Serie A parti sempre da 1-0, così come era a Madrid.

Trovo tutto queste critiche nei confronti di Allegri e la Juve del tutto infondate ed esagerate. I bianconeri hanno vinto per 4 anni di fila la Coppa Italia e sembrava fosse una cosa ovvia vincerla, in quanto ”coppetta poco importante”. Quando però vengono eliminati viene adorata e bramata più di una Champions League. I tifosi della Juventus sono stati abituati troppo bene, a vincere sempre. Il calcio però come dice proprio Max Allegri non è la Play-Station” e come dice Ronaldo non si può pensare di vincere sempre“.

Detto tutto questo, la Juventus è completamente in linea con gli obiettivi stagionali (eccetto la Coppa Italia) avendo vinto la Supercoppa, essendo primi in campionato con un discreto vantaggio e avendo passato il girone di Champions come primi.

Ci aggiorneremo il 20 di Febbraio, o meglio il 12 Marzo, quando il doppio scontro con l’Atletico Madrid sarà concluso per dibattere sul fallimento Juve, o meno.

Fino ad allora per i tifosi juventini la parola ”crisi”, molto spesso usata impropriamente, sarebbe meglio lasciarla perdere.