Cronaca

Amara sorpresa per i dipendenti del Mercatone Uno di tutta Italia

Il Mercatone Uno fallisce e chiude i battenti senza avvisare i lavoratori, che la mattina stessa si recano a lavoro. Alcun preavviso, se non sui social.

Come ogni normalissima mattina, il dipendente del Mercatone Uno si è recato a lavoro, ma a differenza degli altri giorni è dovuto tornare indietro. Le porte chiuse e le serrande abbassate, in tutti nei 55 punti vendita del gruppo di tutta Italia. Un amara sorpresa per i quasi 2000 dipendenti del colosso emiliano, che non erano pronti, non avendo ricevuto alcun preavviso, se non la sera prima sui social.

Perché la chiusura

La chiusura è’ l’effetto della sentenza con il quale il Tribunale fallimentare di Milano, ha decretato, ieri, il fallimento della Shernon Holding srl, che nell’agosto del 2018 aveva a sua volta rilevato i punti vendita dello storico marchio, dando l’annuncio di un grande piano per rilanciare la società, già dal 2022, verso nuovi importanti guadagni.

Ma una brutta sorpresa ha atteso ad Aprile il marchio emiliano: a soli 8 mesi dall’acquisizione, la stessa Shernon aveva presentato richiesta di concordato preventivo in continuità, garantendo comunque i presidi occupazionali fino al 30 maggio, data in cui è in programma da tempo un incontro al Ministero per lo Sviluppo Economico per studiare un piano di salvataggio per l’azienda Mercatone Uno. Invece senza avvisare la Shernon ha dichiarato fallimento.

Nessun avvertimento

La cosa sconvolgente è che i Sindacati non sono stati avvertiti ed ai lavoratori non è arrivata alcuna lettera di licenziamento, ma sono stati costretti a scoprire sui social, attraverso i responsabili delle varie filiali, che la società per cui lavoravano e mediante il quale guadagnavano da vivere, aveva chiuso i battenti.

I Sindacati

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs si sono già attivate presso il ministero dello Sviluppo Economico per avere un incontro in tempi brevi con l’amministrazione straordinaria di Mercatone e con il curatore fallimentare di Shernon.

Back to top button