Cultura

Andrea Camilleri in cinque letture

Parlare di Andrea Camilleri come di uno scrittore prolifico è usare un debole eufemismo. Più di 100 libri conta la sua bibliografia, buona parte dedicata all’amatissimo commissario Montalbano. Ne dedurrete che scegliere soli 5 libri è un arduo lavoro di selezione. Ecco perché mi sono affidata alla penna sapiente di cinque bookstagrammer (compresa me, anche se non lo sono) che ho avuto il piacere conoscere attraverso le loro letture e fotografie

photoedit:web
photoedit:web

Come lettrice in erba di Andrea Camilleri non potevo certo non avvalermi di un supporto esterno digitale. 

Quella che segue non è certo la classifica dei best seller ne tantomeno quella dei migliori. I gusti sono talmente variegati e personali che una lista di tal genere avrebbe potuto incontrare il dissenso di chi Camilleri lo conosce meglio. Più che altro è una lista di suggerimenti, per chi ancora non conosce l’autore e vorrebbe cimentarsi in terreni poco esplorati. Ma anche per chi è alla ricerca di piccoli tesori lontani dai riflettori. 

Ma vediamo nel dettaglio la lista per la Rubrica Cinque libri di Andrea Camilleri (leggi anche https://metropolitanmagazine.it/andrea-camilleri-successi/).

La forma dell’acqua

Con questo titolo Andrea Camilleri ha dato inizio alla fortunata serie delle indagini di Montalbano. Con questo titolo ho dato inizio alla mia scoperta dell’autore.

Molto spesso ho sentito dire che Camilleri o lo ami o lo odi, magari odiare è un termine un pò esagerato ma capisco cosa intendessero. Leggere un libro è un pò come provare un nuovo piatto, anche se sai che potrebbero essere gusti sconosciuti al tuo palato lo assaggi, ti butti, ti lasci andare al nuovo. Puoi rimanere felicemente sorpresa o completamente delusa.

clode__reading
clode__reading

Se il mio cervello avesse papille gustative come la bocca, sarebbero in visibilio. Forse ho capito perché non avevo mai comprato un suo libro, inconsciamente sapevo che non sarei riuscita più a farne a meno.

“Ciò che cattura e colpisce non è la trama, seppur interessante e magistralmente architettata, ma è lo stile, l’uso delle parole e il mondo che riescono a costruire: immaginario, sì, ma maledettamente realistico”.

La prima indagine di Montalbano

il punto di partenza di @Scattidallamialibreria, bookblogger che ha persino fondato un gruppo di lettura delle opere di Camilleri (#allascopertadimontalbano), è La prima indagine di Montalbano (2013).

Andrea Camileri
@scattidallamialibreria

Nonostante sia stato pubblicato dopo La forma dell’acqua (1994), primo titolo della serie, è in La prima indagine di Montalbano che tutto ha inizio, quando il giovane Salvo arriva a Vigàta.

Infatti la blogger scrive:

“Forse tra tutti gli episodi che riguardano Montalbano, questo è quello che preferisco di più perché esalta tantissimo gli odori, i sapori, il mare, il buon cibo, le usanze, le persone della Sicilia”. Prosegue poi :”Appare molto forte, già in questa prima indagine, il senso di umanità di Camilleri […] i dialoghi, l’ironia, i non detti sono di un’ilarità straordinaria: una volta entrati nel mondo di Montalbano, è proprio difficile staccarsene.

Il tailleur grigio

Questo romanzo del 2008 edito Mondadori, rappresenta l’iniziazione all’autore del bookblogger @Lastanzadigiovanni.

Andrea Camilleri
@lastanzadigiovanni

Un titolo non legato alla storia di Montalbano ma non per questo meno degno di nota. Una storia complessivamente intrigante ma, come scrive il bookstagrammer:

“È lo stile di Camilleri l’elemento che attira da subito l’attenzione, uno stile unico e fortemente connotato dall’uso di una lingua del tutto singolare, composta da parole dialettali, sconosciute”, il tutto connota la lettura come “una sfida per il lettore al risalire al significato grazie al contesto” rendendo la lettura più stimolante e interessante.

Maruzza Musumeci

Andrea Camilleri
@_joefalchetto

In bilico tra mito e realtà, si colloca questo romanzo edito Sellerio del 2007. Me ne ha parlato la bookblogger _joefalchetto come:

“una favola bellissima ispirata al mito omerico delle sirene. Poetica, musicale e intrisa della migliore tradizione siciliana, coi suoi colori e i suoi profumi. […] le sirene amano, accudiscono e consolano gli uomini anche in punto di morte.”
“Questo romanzo, insieme a Il casellante e Il sonaglio”, prosegue la blogger ” fa parte del trittico delle metamorfosi di Camilleri dove mito e realtà si intrecciano in storie dolorose e poetiche.”

Riccardino

L’ultimo romanzo di questa rubrica dedicata a Camilleri non poteva che essere Riccardino.

Andrea Camilleri
@soleventovinotrallalla

Pubblicato nel 2005, il romanzo narra l’ultima avventura del commissario Montalbano. A parlarmene è stata @soleventovinoetrallalla che ne ha scritto così:

“Riccardino non è un romanzo semplice, di sicuro non il giallo che in molti si aspettavano. […] Camilleri ha espresso tutta la sua maestria letteraria, omaggiando Pirandello, ma non solo. […] è un metaromanzo che profuma di postmoderno in cui il personaggio si fa Uomo, diventa reale, in grado di camminare da solo anche senza la penna dell’Autore.”

Provare per credere.

a cura di Claudia Cangianiello

Back to top button