Cultura

Annette, il film musical sulla speranza

Nel nuovo appuntamento con la rubrica Passi di danza ci dedichiamo al film di apertura del Festival di Cannes: Annette. Regia di Leos Carax, già dalla copertina si presenta una scena di tango.

Non solo danza: a essere coinvolto è tutto il mondo dello spettacolo. Infatti, si tratta di un film con protagonisti un cabarettista comico (Adam Driver), e una cantante d’opera (Marillon Cotillard). I due, che si sono incontrati a Los Angeles, si sono innamorati con un colpo di fulmine e non si sono più lasciati. La scena è drammatica, in ogni caso: il tango della copertina si trasforma in un tango della morte. Infatti, la scomparsa di uno dei due protagonisti lascia un grande vuoto, che verrà colmato dall’amore della figlia. Infatti, si scopre che la piccola di due anni ha un dono innato.

Annette: la danza come sfondo

«Quel ballo per strada porta via gli inquilini del palazzo verso il mondo esterno, li espone. La pandemia ha smascherato una bugia a cui avevamo creduto: che potessimo fare a meno degli altri» ha spiegato in conferenza stampa il regista. Chiara l’influenza del periodo che abbiamo e stiamo vivendo, insieme a una forte presenza del palcoscenico: la danza, in questo senso, è parte integrante del progetto. Regista e direttore d’orchestra della partitura sinfonica degli Sparks, Carax avvia Annette dalla registrazione della colonna sonora.

La carriera del regista Leos Carax è costellata da numeri da musical magistralmente diretti. Infatti, in trentasette anni, ha spaziato in vari generi e danze. Figlio di MTV, il vecchio canale musicale, ha da sempre riconosciuto l’importanza dell’unione tra danza e musica. E questo traspare anche sul grande schermo: il musical Annette è sicuramente una ventata di aria fresca in un periodo storico che ci porta a voler chiudere i battenti al mondo esterno. E così la piccola Annette è figlia di un tempo perduto, che ci sembra quasi inafferrabile, così come l’amore tra i due protagonisti.

Marianna Soru

Seguici su
Instagram
Facebook
Metrò

Metropolitan Magazine n.3 – Giugno 2021

Back to top button