Quest’anno tra le partecipanti alla Serie C c’è una squadra particolare che ha avuto accesso per la prima volta nella sua storia alla terza serie italiana: si tratta dell’Arzignano Valchiampo. In realtà però, i più attenti sapranno che 71 anni fa la squadra veneta disputò un campionato professionistico, proprio la Serie C. Cosa c’è all’origine di questa curiosa questione? Ecco quindi la storia del club e come è andata questa stagione.

Arzignano: club giovane ma con radici antiche

L’A.C. Arzignano nacque nel 1920 per merito di Pio Veronese, un avvocato che divenne anche il primo presidente della storia del club. I giallocelesti partecipano ai campionati della divisione veneta, ma nel 1942-43 conquistano la promozione in Serie C. Al termine del campionato si ritrovano in ultima posizione e di fatto retrocedono nella serie inferiore. Nel 1946-47 riescono nuovamente a tornare in C e saranno presenti anche la stagione successiva, salvo poi retrocedere al termine di quest’ultima.

arzignano
Giocatori dell’Arzignano in festa dopo un gol. Photo credit: arzignanovalchiampo.it

In epoca recente però, le cose sono cambiate. Nel 2005 per via della fusione con l’U.S.D Garcia Moreno è nata Unione Sportiva Dilettantistica Garcia Moreno Arzignano. Un’ulteriore fusione è avvenuta nel 2011 con l’U.S.D Chiampo che ha sancito la nascita dell’Union Arzignano Chiampo, mentre la corrente denominazione è invece arrivata nel 2017. Al momento della fusione vennero anche cambiati i colori sociali: dal bianco infatti, si passò al gialloceleste. L’anno scorso dopo un ottimo campionato in Serie D, concluso al primo posto del girone C, i grifoni hanno conquistato la promozione tra i professionisti: la prima volta con la nuova denominazione.

Il percorso in campionato

I giallocelesti hanno conquistato 22 punti in 26 partite, bottino che li colloca in terzultima posizione. La distanza dall’Imolese però, è di un solo punto e inoltre l’Arzignano ha disputato un incontro in meno rispetto agli avversari. Finora, sono arrivate solo 4 vittorie, 10 pareggi e 12 sconfitte. Il capocannoniere della squadra è Daniele Rocco, la punta centrale di riferimento della squadra che ha segnato 4 delle 18 reti giallocelesti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA