Cultura

Assisi, un presepe diffuso tra arte e tecnologia

Dall’8 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 Assisi si trasforma in un grande presepe diffuso con la presentazione del programma “Il Natale di Francesco” per questo 2020. Un progetto che prevede il coinvolgimento di tutta la città e che crea occasione di incontro tra tecnologia, tradizione, arte e fede.

Grazie alla direzione artistica di Mario Cucinella, architetto di fama internazionale, le strade e i monumenti diventano i protagonisti di video mapping e giochi di luce. A questi si affiancheranno le statue del presepe, sparse tra piazze e vicoli per rendere tutta Assisi una nuova Betlemme.

Interno della Basilica Maggiore di Assisi - Photo credits:sculturificio.org
Interno della Basilica Maggiore di Assisi – Photo credits:sculturificio.org

Assisi, Giotto e la Basilica

Sulla facciata della Basilica Superiore sarà proiettata l’immagine la Natività di Gesù raffigurata da Giotto proprio nel ciclo di affreschi all’interno della Basilica. Inoltre ogni 30 minuti dalle 17.00 alle 22.00 la stessa facciata si “schiuderà” lasciando che le proiezioni mostrino l’interno della Basilica con i suoi oltre 10.000 mq di affreschi.

Sono coinvolte anche le strade e i luoghi simbolo della città quali la Cattedrale di San Rufino, la Basilica di Santa Chiara. E ancora la Rocca Maggiore e la Rocca Minore, il Monte Frumentario e la Torre civica della piazza del comune. Si rinnova così il profondo legame tra San Francesco e il Presepe, evocando ancora una volta l’evento del 1223 in cui il Santo diede vita al primo presepe vivente a Greccio.

Assisi, Giotto, raffigurazione del Presepe di Greccio - Photo credits: wikipedia.org
Giotto, raffigurazione del Presepe di Greccio – Photo credits: wikipedia.org

L’app e l’omaggio agli operatori sanitari

Quest’anno, in occasione del particolare periodo storico, tutti gli eventi si possono seguire anche da remoto grazie all’applicazione “Nataledifrancesco”. Inoltre, in omaggio al lavoro degli operatori sanitari, tra le statue del presepe è presente anche un’infermiera.

Le iniziative sono patrocinate dalla Regione Umbria e Città di Assisi. Il progetto è realizzato in collaborazione con Mario Cucinella Architects e sostenuto da Enel, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello.

di Flavia Sciortino

Seguici su

Facebook

Instagram

Twitter

Back to top button