Badante indagata per riciclaggio e “distruzione di cadavere”

BADANTE, GIA’ INDAGATA PER CIRCOVENZIONE DI INCAPACE E AUTO-RICICLAGGIO DOPO AVER SOTTRATTO 700.000 EURO ALLA SUA ASSISTITA, VIENE PERQUISITA ANCHE PER “DISTRUZIONE DI CADAVERE”. INDAGATI PER FAVOREGGIAMENTO ANCHE IL RAPPRESENTANTE DI UN’ AZIENDA DI SERVIZI FUNEBRI E IL DIRETTORE DI UN UFFICIO POSTALE.

La Guardia di Finanza ha eseguito dei decreti di perquisizione disposti dalla Procura della Repubblica di Pordenone nei confronti di una badante (in precedenza già indagata per circonvenzione di incapace e autoriciclaggio) e degli uffici di una società di servizi funebri, al cui rappresentante viene contestato il reato di favoreggiamento personale.

Le attività di servizio scaturiscono dagli sviluppi delle indagini svolte dalla Compagnia di Pordenone nei confronti della assistente familiare di una donna novantunenne (deceduta a fine 2017) e del figlio disabile di quest’ultima, entrambi affetti da varie patologie mediche nonchè psicologicamente fragili, ai quali, dopo aver guadagnato la fiducia e la familiarità, la badante sottraeva complessivamente 700.000 euro perlopiù mediante una serie di vorticose, strumentali operazioni su rapporti intrattenuti in un ufficio postale, conclusesi con numerose operazioni di prelievo di denaro in contante.

Gli accertamenti consentivano inoltre di appurare che le disponibilità così illecitamente acquisite dalla badante venivano reimpiegate sia per sue esigenze personali (acquisto di gioielli, di un’autovettura, estinzione di vecchi debiti pregressi, servizi prestati da un “chiaroveggente”), che in attività di investimento (sottoscrizioni titoli e polizze assicurative). Dette operazioni, al fine di ostacolare la ricostruzione dei flussi finanziari e quindi la loro provenienza illecita, venivano serialmente condotte presso l’ufficio postale con operazioni allo sportello “fuori conto”, giroconti e con incasso ed emissione di effetti (ovvero di versamento/incasso) in plurimi libretti di deposito.

Nel corso della prima fase investigativa, su richiesta della Procura della Repubblica di Pordenone, il Giudice per le Indagini Preliminari disponeva nei confronti della badante un provvedimento di sequestro preventivo di disponibilità e valori per complessivi 1.212.000 euro, attuato su una polizza vita di 300.000 euro, due immobili, titoli di investimento postali, denaro e gioielli. Gli investigatori della Guardia di Finanza proseguivano tuttavia nell’attività investigativa per chiarire le reali cause della morte della donna vittima delle appropriazioni, in quanto dalle escussioni del personale sanitario intervenuto si rilevava che, in occasione del decesso, avvenuto alla sola presenza della badante, quest’ultima non aveva avvisato alcun familiare, provvedendo autonomamente a disporne, lo stesso giorno, la cremazione, e così precludendo la possibilità di svolgere esami autoptici sulla salma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA